Emergenza sfratti. In arrivo i contributi del Fondo regionale per l’affitto

“Oltre 1 milione e 360 mila euro per le famiglie della Provincia di Forlì-Cesena. Un intervento fondamentale, in questa fase di crisi economica, per sostenere il reddito dei nuclei meno abbienti”.

“La Regione Emilia-Romagna – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – nell’ambito dell’intervento pubblico per il sostegno alla casa, ha destinato, per il 2011, 15.878.457,93 euro per l’accesso alle abitazioni in affitto. Di questi, 1.369.581,32 euro arriveranno nel nostro territorio provinciale, per cercare di dare una risposta a quello che è uno dei principali problemi anche di tante famiglie del nostro territorio, ovvero la mancanza di una casa in cui vivere”.

Il fondo per l’affitto, istituito nel 1998 con Legge n. 431 (art. 11), è uno strumento che eroga un contributo destinato ad aiutare le famiglie nel pagamento del canone di locazione. Sono esclusi dal contributo gli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP). I cittadini fanno domanda presso il proprio Comune. La Regione, sulla base delle domande ammissibili pervenute, ripartisce i fondi fra i Comuni, che a loro volta erogano il contributo alle famiglie che ne hanno diritto.

“Grazie al fondo regionale per l’affitto, pur in assenza di un piano nazionale sulla casa, in questi anni è stato possibile erogare alle famiglie a basso reddito contributi per accedere agli elevati affitti di mercato. – prosegue Zoffoli – Si tratta di una boccata d’ossigeno importante anche per gli Enti locali, impegnati a mantenere la coesione sociale in un momento difficile per tanti cittadini che si trovano improvvisamente senza lavoro o con una occupazione precaria”.

Secondo i dati diffusi, proprio alcuni giorni fa, dalla Cgia di Mestre, anche in Emilia-Romagna è “emergenza sfratti”. In Regione, infatti, nel 2010 si è registrato il più alto numero di sfratti a livello nazionale, pari a 22,7 ogni 1.000 famiglie in affitto, e si è superata quota 6.560, con un incremento del 180,4% nel periodo 2001-2010.

E quello che di più preoccupa – conclude il Consigliere Zoffoli – è che, rispetto ad un tempo, sono mutate anche le tipologie familiari colpite dallo sfratto per morosità. Se fino a qualche anno fa le più interessate erano quelle guidate da lavoratori dipendenti, da pensionati o da persone che erano state espulse dal mercato del lavoro, negli ultimi anni, invece, hanno assunto dimensioni numeriche sempre più preoccupanti anche famiglie con a capo un artigiano, un piccolo commerciante o da giovani titolari di partita Iva che, con l’aggravarsi della crisi, sono scivolate in condizioni di marginalità economica. Per questi motivi il problema della casa è e rimarrà in cima all’agenda politica della nostra Regione”.

È possibile scaricare la TABELLA con il dettaglio degli stanziamenti ai singoli Comuni cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.