Volontariato. Non solo braccia, ma anche e soprattutto teste

Occorre passare dalla valorizzaz​ione, al riconoscim​ento del ruolo del volontaria​to

La crisi economica che stiamo vivendo, le nuove e vecchie povertà, impongono una riforma del welfare, o prevarrà il “fai da te”.

Non ci si può solo difendere, o conservare quanto di buono fin qui fatto; occorre cambiare passo, innovando il sistema di welfare regionale, passando da un welfare istituzionale ad uno comunitario, incoraggiando culture e pratiche diffuse di responsabilità civile e di partecipazione, che rimettano al centro il ruolo del terzo settore.

Anche queste riflessioni saranno al centro della Settima Conferenza regionale del volontariato, in programma oggi, sabato 26 novembre, proprio nell’Anno Europeo del volontariato.

Una realtà, in Emilia-Romagna, fatta di 2.919 associazioni iscritte ai registri provinciali del volontariato (318 di queste operano nel territorio di Forlì-Cesena) e che può contare sulla straordinaria forza 107.016 volontari attivi, a cui va il nostro grazie per il prezioso e insostituibile servizio a favore della società regionale e perché, con il loro impegno, promuovono la dimensione della fraternità che, valorizzando le diversità e la ricchezza dei carismi, consente a tutte le persone di concorrere al bene comune.

Spesso, però, nei confronti del mondo no-profit ci sono atteggiamenti ambivalenti.

Stima e fiducia sulla sua bontà e capacità di intervenire, soprattutto sul fronte delle emergenze sociali; diffidenza allorquando chiede di essere riconosciuto protagonista a tutto tondo nella progettazione e programmazione del welfare.

Del resto, è lo spirito originario della nostra Costituzione, con il principio di sussidiarietà, ad offrici una chiara indicazione: lo spazio pubblico non è solo appannaggio delle pubbliche Amministrazioni, ma è frequentato da tutti quei soggetti che, nell’esercizio delle loro libertà, nella gestione dei “beni comuni”, si assumono una responsabilità di fronte ai cittadini e all’intera comunità.

E ciò non implica, a mio avviso, un arretramento delle pubbliche Amministrazioni; bensì uno scatto in avanti, un di più di capacità politica, direi di buona politica, nel gestire una rete sociale composta da una pluralità di “soggetti pubblici”.

Il bipolarismo “Stato mercato” ha ucciso il nostro Paese e né lo statalismo risorgente, né il liberismo rampante, ci aiuteranno a superare la crisi. L’Italia ne uscirà solo se tornerà a sentirsi una comunità più coesa e maggiormente impegnata a sostenere coloro che non ce la fanno, garantendo soprattutto ai giovani più opportunità.

Questo richiede, anche alla nostra Regione, di passare dalla valorizzazione del volontariato, che vuol dire dare valore a ciò che fa e, il più delle volte, tale valore è rappresentato dai risparmi che produce in via diretta sui costi complessivi del sistema del welfare, al riconoscimento del volontariato in quanto promotore del principio di reciprocità e, come tale, attivo costruttore di una società più umana.

Non solo braccia, ma anche e soprattutto teste. Questo è ruolo del volontariato!

Ciò richiede un approccio diverso, che lo liberi da oneri e procedure e ne colga in pieno il peso immateriale, rappresentato dall’azione gratuita di migliaia di persone, come quelle che incontreremo oggi, fuori dai supermercati, impegnate per la Giornata nazionale della colletta alimentare.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Volontariato. Non solo braccia, ma anche e soprattutto teste

  • Imerio

    Riguardo le ONLUS ho dei dubbi di trasparenza. Lo spazzamento delle strade a Cesenatico è affidato ad HERA ma quando trovi operatori intenti ad offrire quel servizio sono contrassegnati Cils, una società di inserimento al lavoro ONLUS che si prodiga di indaffarare anche i meno abili , ora sollevo il quesito della trasparenza. So degli accordi che impongono ad HERA di convogliare a questa società una parte di lavoro ma non riesco a rintracciare i pagamenti, i costi , i guadagni di HERA. Leggi antimafia vietano a soggetti pubblici di stringere rapporti con società coperte da segreto fiduciario, non conosco però tutte le società che partecipano in Hera, so che Cesenatico ne detiene appena lo 0,127% come altri comuni. Obbligherei quindi anche le ONLUS a presentare una dichiarazione dei redditi visto che nel momento in cui un’imprenditore versa donazioni le dichiara per detrarsele dagli utili è giusto chiudere il cerchio di questo denaro. Volevo aprofittare anche per sollevare una proposta di aumentare le imposte sugli appartamenti sfitti tanto almeno per indurre il proprietario ad affittare a prezzi irrisori, creando così una concorrenza a ribasso non per gli immobili ma per la loro solo occupazione. molti giovani sperimenterebbero molto prima la vita da single o conviventi o autonomi che sia se si troverebbero domicili da 250 euro bollette comprese, questo aumenterebbe l’economia nei pressi delle nuove abitazioni che in certi quartieri di cesenatico rischiano davvero di essere deserti e quindi un peso morto per tutti i cittadini. non chiedo l’esproprio delle seconde case, sia chiaro, ma l’aumento del costo del lusso di poter tenere vuota un’abitazione solo per poterla utilizzare un fine settimana al mese. Poi se qualcuno si potrà permettere di tenerla vuota buon per lui. 🙂 un caro saluto. Imerio.