“ECONOMIA SOLIDALE, le esperienze del nostro territorio”

"ECONOMIA SOLIDALE. Le esperienze del nostro territorio"

È possibile scaricare il VOLANTINO dell’iniziativa cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to “ECONOMIA SOLIDALE, le esperienze del nostro territorio”

  • Ranieri Giancarlo, nato a S.Sofia 7/12/1953 ed ivi residente

    Caro Zoffoli, scrivo a te per praticità ma questa mia è indirizzata ai vertici del partito, o meglio a tutto il partito. LA MANOVRA DI MONTI E’ UNA MOSTRUOSITA’, NON CONTIENE NIENTE DI NUOVO, SCARICA SUI SOLITI NOTI TUTTO IL PESO DEI BUNGA BUNGA DI BERLUSCONI E SE IN PARLAMENTO NON VERRA’ MODIFICATA SARA’ UNA VERA TRAGEDIA. Il principio di equità tanto sbandierato è una mera chimera e alla fine il peso della nazione sarà tutto sulla classe lavoratrice. Prendi ad esempio la questione previdenziale. Il mio compagno di banco delle elmentari, che a sedici anni è andato a lavorare ora si trova in pensione da alcuni anni dopo 36 anni di contributi versati e con una pensione calcolata con il metodo retributivo. Io che mi sono laureato a 24 anni, che mi sono mantenuto agli studi con il “famoso presalario”, che dal 78 ad oggi ho lavorato ininterrottamente come il mio compagno di banco, che ho riscattato gli anni di laurea e che a maggio del 2014 avrei maturato il diritto alla pensione avendo in quella data 40 anni di contributi versati (quindi pagando ben oltre a quello che fino al 31/12/2011 è andato in pensione), ebbene, in base al tanto paventato principio di equità, mi vedrò costretto a lavorare altri tre anni(sempre poi che nel frattempo non succeda qualcos’altro di disastroso, evento peraltro che nessuno può al momento scongiurare). Non solo, ma la mia pensione verrà calcolata con il metodo contributivo e quindi, oltre a lavorare di più, prenderò anche di meno. Alla faccia dell’equità. Sai, in questo momento mi viene sempre alla mente quello che mi diceva mia nonna quando marinavo la scuola o quando non avevo voglia di fare i compiti : “studia mimen che i somar iè ned sol per fè ed’dla fadiga” . “Cara nona se tu vdes quanta fadiga uz toca fè t’un m’avreb fat studiè”. Questa manovra, caro Zoffoli, costruita sulle spalle dei pensionati non ha futuro, non crea occupazione, mette solamente zizzania tra gli sfigati mentre chi ha la pancia piena continua a riempirla. A loro non vengono chiesti sacrifici paragonabili ai nostri. Crescerà la tensione sociale ed il futuro, già oggi incerto, sarà domani ancora più incerto. Bisogna che chi ha di più dia di più e lasciate stare le pensioni. Negli anni ottanta sono stati mandati in pensione dei quarantenni ed ora, invece di chiedere sacrifici a chi ha avuto già tanto, si va a frugare nelle tasche dei soliti noti. Non parliamo della casa poi.
    Cordiali saltuti
    Giancarlo Ranieri