Meno moduli, meno bolli, meno file. Un’ondata di semplificazione sta per raggiungere l’Emilia-Romagna

Martedì prossimo l’Assemblea regionale darà il via al progetto di legge sulla semplificazione. Supporto bipartisan e apprezzamento di associazioni e imprese.

CC - Foto di Preservationgal Quando il legislatore mette mano alla semplificazione burocratica, cercando di dipanare la matassa di norme, moduli e procedure esistenti, il rischio è quello di intricare ancora di più la situazione creando ulteriori ingorghi.

Questa volta, però, il tentativo della Regione di sfoltire un po’ le procedure sembra andare nella direzione giusta. A dirlo non sono i politici ma il mondo delle imprese e delle associazioni, coinvolte in un lungo percorso di ascolto e proposte sul progetto di legge “Misure per l’attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema amministrativo regionale e locale. Istituzione della sessione di semplificazione”. Il testo, dopo un’approvazione bipartisan in commissione con la sola opposizione della Lega Nord e l’astensione del Movimento 5 stelle, approderà in Aula martedì prossimo per la votazione finale.

“Le osservazioni della società civile e di tutte le forze politiche – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – hanno prodotto un testo diverso dalla bozza iniziale, segno di una condivisione non formale. E non poteva essere altrimenti per una legge che pone la sussidiarietà alla base e lascia da parte il termine “consumatori” in favore di “cittadini utenti”. Cittadini che potranno presentare un solo modulo per molte pratiche, sarà la pubblica amministrazione a farsi carico della richiesta e contattare i diversi uffici. Gli stessi moduli saranno semplificati e resi omogenei sul territorio. Non si potranno poi chiedere ai cittadini documenti già in possesso dell’Amministrazione. Aumentano inoltre i casi di silenzio-assenso e viene posto un paletto al proliferare delle marche da bollo: i Comuni non potranno chiedere nuovi balzelli di questo tipo”.

Alla base di tutte le novità il principio che vede la persona al centro: al cittadino dovranno essere garantiti tempi certi di conclusione dei procedimenti e la massima trasparenza nelle procedure amministrative. Nel caso un procedimento sforasse i tempi per colpa della Pubblica amministrazione, inoltre, al cittadino saranno rimborsati eventuali oneri già versati.

Le semplificazioni messe in atto hanno riscosso l’apprezzamento della Confindustria, di Unioncamere, dei sindacati, del terzo settore e del Tavolo regionale per l’imprenditoria: “Una condivisione larga – conclude Zoffoli – che fa ben sperare sull’attuazione della legge, che sarà monitorata da tavoli di confronto permanente”.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.