Un Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

Lavoro, imprese, credito, relazioni industriali, legalità ma soprattutto occupazione delle nuove generazioni. È questo il cuore del “Patto regionale per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” siglato tra la Regione, l’Upi, l’Anci, l’Uncem e la Lega Autonomie, l’Unioncamere, le associazioni imprenditoriali, le organizzazioni sindacali regionali e i rappresentanti del Terzo settore.

Il nuovo accordo, nei fatti, supera il “Patto per attraversare la crisi”. Attraverso la partecipazione di tutto il sistema economico, sociale e delle autonomie dell’Emilia-Romagna sono state definite le scelte strategiche generali: ciascun soggetto nel proprio ambito d’azione o di rappresentanza dovrà sostenerle ora non solo per proseguire il cammino per andare oltre la crisi, ma per cambiare passo e supportare una nuova stagione di crescita e sviluppo della società emiliano-romagnola.

Molti degli obiettivi rappresentati nel nuovo Patto trovano un’immediata applicazione nelle politiche già avviate dalla Regione: sul fronte delle risorse la copertura di diversi interventi è prevista nel bilancio di previsione 2012 della Regione che sarà approvato entro fine anno.

Gli assi fondamentali su cui si vuole orientare lo sviluppo sono fondati sul sapere, sulla green economy e sul made in Italy. Centrale sarà, infatti, il sostegno dell’export, le riforme strutturali delle istituzioni e della pubblica amministrazione, del welfare e del mercato del lavoro, ma anche una forte spinta alla ricerca e alla innovazione.

La gestione del Patto, dal punto di vista pratico, sarà affidata anche a momenti tecnici di confronto tra le parti che dovranno verificarne, anche con tavoli di monitoraggio, la corretta applicazione.

È possibile scaricare il testo del PATTO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Un Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva