PADRE GUGLIELMO, l’uomo dell’ascolto

“Per me è una gioia grande accogliere tutto il giorno le persone, accogliere il fardello di preoccupazioni e di sofferenze, a volte le terribili tragedie da lacrime di sangue dei fratelli. E prego con loro e per loro, con fede ferma nella parola di Gesù: Venite a me e vi consolerò”.

Queste sono le parole di Padre Guglielmo Gattiani, frate cappuccino, che è stato per lungo tempo maestro dei novizi di Cesena ed ha vissuto gli ultimi diciannove anni della sua vita nel Santuario del Santissimo Crocifisso di Faenza.

Padre Guglielmo cercava di trasmettere ai giovani l’amore alla povertà e all’essenzialità, per essere seguaci efficaci e coerenti di Francesco d’Assisi nel mondo moderno. Tutta la sua vita è stata caratterizzata dall’accoglienza, dall’ascolto e dalla preghiera: di giorno ascoltava le sofferenze della gente e di notte le offriva a Dio.

La sua giornata di ascolto iniziava alle 6 e terminava a mezzanotte, perché quando la Chiesa veniva chiusa alle 19:30, subito dopo una rapida cena, era a disposizione per l’ascolto telefonico fino a mezzanotte. Quando finalmente staccava il telefono, iniziava a pregare, presentando a Dio le sofferenze di quanti aveva incontrato e ascoltato.

Era un frate con orecchie e cuore grandi, sempre attento ai bisogni e alle necessità degli altri.

In una società dove la frenesia e la confusione ritmano lo scorrere del tempo, la testimonianza di padre Guglielmo ci richiama ad uno stile di vita più sobrio, improntato all’accoglienza e all’ascolto dell’altro.

Mettiamoci allora alla scuola di Guglielmo per imparare a porre l’ascolto al centro di ogni nostra relazione e a principio di ogni nostra azione politica. Solo così potremmo accogliere veramente l’altro ed in particolar modo il diverso.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to PADRE GUGLIELMO, l’uomo dell’ascolto

  • Ho conosciuto personalmente padre Guglielmo,
    Portai mio padre, colpito da Ictus nel 1996, a Faenza per far lui ricevere il conforto delle sue parole, tanto mi dissero fosse dotato di una capacità di ascolto e comprensione quasi soprannaturale.

    Quando mio padre vide quest’uomo barbuto, un po arcigno, uno sguardo penetrante come non avevo mai incontrato, e gli pose una mano sulla fronte, vidi mio padre piangere a dirotto per minuti interi, cosa per lui inedita dopo la sua malattia.

    Lo consolò dicendogli che quanto provava era solo frutto della sua incapacità di adattarsi alla nuova vita che lo attendeva, e che non era realmente cattivo, e che tutto sarebbe cambiato in meglio appena si fosse reso conto che il cambiamento era una opportunità da sfruttare.

    Gli ha fatto realmente del bene.

    Mi regalò un piccolo rosario di plastica con una crocetta di plastica debolmente fosforescente. Ero convinto che quell’oggetto poco più che simbolico sarebbe deperito in fretta e lo avrei dimenticato.

    Invece, siamo nel 2011, mio padre è ancora vivo e sta bene, e quel piccolo crocifisso di plastica è ancora appeso sul retrovisore della mia macchina, e sono convinto che mi abbia protetto più e più volte negli ultimi 13 anni.

    Un uomo, frate Guglielmo, come ne appaiono pochi in un secolo, che secondo il mio modesto parere merita un grande riconoscimento.

    Paolo Marani, Cesena