Agroalimentare. No a “italian sounding”, sì a tutela del vero “made in Italy”

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale

La diffusione di prodotti che traggono in inganno circa la vera origine geografica crea un evidente danno all’immagine della produzione agroalimentare italiana.

Lo affermano i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli (primo firmatario, Pd), Tiziano Alessandrini (Pd), Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), Franco Grillini (Idv) e Monica Donini (Fds) in un’interrogazione in cui sottolineano che queste “pratiche degenerative, denominate in gergo italian sounding”, devono essere catalogate come “altamente ambigue e ingannevoli”, perché “speculano in modo scorretto sulla cultura e sulle tradizioni italiane per attivare “meccanismi di vero illecito concorrenziale”.

A questo proposito, i Consiglieri ricordano che le parti sociali, in data 4 agosto 2011, hanno sottoscritto un documento unitario sulla necessità di un forte contrasto all’italian sounding, a difesa del made in Italy di qualità, “quale leva competitiva del Paese”, e lo stesso Governo nazionale, nel corso del 2011, ha assunto alcuni importanti impegni a questo scopo; se non fosse che, di recente, è stata denunciata “una nuova vicenda di utilizzo improprio di risorse pubbliche da parte della Società italiana per le imprese all’estero – Simest s.p.a. (una società finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all’estero, controllata dal Ministero dello Sviluppo Economico che detiene il 76% del pacchetto azionario)”.

Risorse – scrivono i firmatari – che sarebbero state “destinate a finanziare, direttamente o indirettamente, la produzione o la distribuzione di prodotti alimentari che non hanno nulla a che fare con il tessuto produttivo del nostro Paese”.

Considerando che questo tipo di sostegno della Simest all’italian sounding determina “gravi danni”, anche sottraendo all’economia nazionale oltre 60 miliardi di euro all’anno, i Consiglieri chiedono alla Giunta regionale se non ritenga dannoso per il sistema agroalimentare nazionale che la Simest abbia promosso, con una strategia di finanziamento all’estero, imprese che commercializzano prodotti con una falsa identità d’origine e come intenda intervenire nel merito.

I firmatari, oltre a sollecitare la Giunta a verificare i criteri con cui la Simest valuta i progetti da finanziare, chiedono di attivare ogni iniziativa necessaria a tutelare il “vero made in Italy” e, più specificatamente, di eliminare le barriere sanitarie e fitosanitarie che ostacolano il commercio con l’estero in modo da facilitare i progetti di promozione dei veri prodotti made in Italy.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.