Un’azienda sanitaria unica per la Romagna? Perché no!

Ho letto il rinnovato invito del Segretario della UIL, Giuliano Zignani, e di Denis Ugolini, fondatore dell’Associazione “Energie Nuove”, a ridisegnare l’organizzazione della sanità in Romagna.

Credo che questa sfida vada accolta. Siamo, infatti, in una fase caotica, di transizione; ci ritroviamo a metà del guado, bisogna spingere in avanti; non ci resta molto tempo.

Oggi l’area vasta romagnola della sanità è, nei fatti, poco più di una collaborazione, una sorta di coordinamento, con risultati ancora insoddisfacenti. È necessario fare scelte più forti, chiare e nette.

Un’azienda sanitaria unica per la Romagna? Perché no!

Basti considerare che, in Emilia-Romagna, nel prossimo triennio, sulla sanità che rappresenta oltre il 70% del bilancio regionale, verranno a mancare circa 1,5 miliardi di euro.

Bisogna spostare il livello del confronto: razionalizzare è necessario, ma non basta.

Come in un campo di calcio, se continuiamo solo ad erigere barriere, come i giocatori in difesa al limite della propria area, non riusciremo mai a vincere la partita, che è quella di una nuova fase di sviluppo per il nostro territorio.

Serve un nuovo schema di gioco: dobbiamo giocare in attacco e rilanciare, e non chiuderci dentro ai nostri, sempre meno adeguati, confini amministrativi.

Anche alla luce della soppressione delle Province diventa ineludibile ripensare l’affidamento di funzioni e la gestione di servizi su area vasta.

Questo schema di gioco, in Emilia-Romagna, lo abbiamo tradotto nel “Patto regionale per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” siglato lo scorso 30 novembre tra la Regione, l’Upi, l’Anci, l’Uncem e la Lega Autonomie, l’Unioncamere, le associazioni imprenditoriali, le organizzazioni sindacali, l’Abi e i rappresentanti del Terzo settore.

Aldilà dei contenuti, questa ampia condivisione, ha valore in sé: rappresenta un segno di speranza, una prospettiva e un’idea comune di futuro.

Dopo un ventennio, nel nostro Paese, della cultura imperante del “fai da te” e “usa e getta” e contro il rischio del “si salvi chi può”, la società emiliano-romagnola, tutta insieme, ha condiviso le scelte strategiche generali, per ricreare fiducia e ricostruire un ambiente favorevole alla ripresa.

Il progetto è quello di un nuovo modello sviluppo più umano, con al centro la crescita; senza questa, infatti, non si paga il debito e non c’è alcun risanamento possibile, né giustizia sociale ed equità.

Gli assi fondamentali individuati, per riscrivere il patto intergenerazionale, sono la difesa e la promozione della legalità per sostenere l’economia sana; nuove e proficue relazioni sindacali e industriali per esaltare la centralità del valore del lavoro; investimenti nel sapere e nelle competenze, con incentivi e azioni mirate per aumentare l’occupazione femminile e dei giovani, e favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Anche in Emilia-Romagna, quindi, è necessario cambiare, sapendo che la crisi impone a tutti un radicale mutamento degli stili di vita. Non sarà infatti possibile, e non è nemmeno giusto e auspicabile, visti i risultati, ritornare al modus vivendi precedente.

La riforma del welfare, la sanità e il settore dei servizi alla persona, rappresentano, da questo punto di vista, il principale banco di prova.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Un’azienda sanitaria unica per la Romagna? Perché no!

  • elio capacci

    Carissimo Damiano, è sempre stato deprecabile quel comportamento umano che cerca di risolvere i problemi racchiudendosi in se stessi, creando steccati o muri e dividendosi.Lo sai meglio del sottoscritto che le persone che valgono sono quelle che sanno fare sistema in tutti i campi ( e perchè mai avrebbero creato il proverbio “l’unione fa la forza”), per chi fa poi politica dovrebbe essere la stella polare per cui l’area vasta non può essere solo il laboratorio di Pievesistina ma deve essere un modo di gestire in maniera razionale tutti i servizi dovuti in un bacino d’utenza che potrebbe essere benissimo l’area romagnola.In campo sanitario è oramai un comportamento seguito da parecchi che hanno seri problemi lo spostarsi nella struttura dove uno aspetta una risposta eccellente ( ad esempio l’IRST ecc…), ma perchè ci siano nel territorio romagnolo tutte le eccellenze del caso è necessario una sola direzione sanitaria che sappia vedere e provvedere. Il sottoscritto anni addietro per seri problemi di salute ha girato mezza Italia, e tutte le volte mi chiedevo ma in Romagna cosa curiamo solo le influenze?? Partecipo a questo dibattito perchè quando si trattava di elimare il distretto socio sanitario del Rubicone Costa, il Sindaco di Cesena era favorevole, ma adesso che si parla di fare una unica azienda in campo provinciale, non è più d’accordo; la cosa si commenta da sola.
    Damiano non parlare di tattiche calcistiche da adottare perchè dovrei dirti da quale pulpito viene la predica ??adesso che siete appena fuori dalla zona retrocessione, lascia l’argomento ai milanisti che hanno il palato file sull’argomento. Tornando all’argomento, dopo la battuttacia che non guasta mai, la capacità di stare insieme, di fare sistema per una gestione intelligente delle risorse non è una libera scelta, ma a mio avviso,dovrebbe essere un dovere lasciando ad altri le ridicole lotte di campanile. Adesso si stà preparando il referendum per fare il Comune del Rubicone, speriamo di riuscirci in modo da aprire la strada anche ad altri, però le certezze non sono tante perchè regna ancora la cultura di badare al proprio orticello anche se questo non riesce più a dar da mangiare alla famiglia. cordialissimi saluti a Damiano e a tuti i tuoi lettori

  • william

    Il dibattito è interessante ma rischia di essere monco se non si fa un’analisi della situazione. E’ possibile avere un pò di documentazione che spiega perchè si dovrebbe fare un’ASL unica? Su dimensioni aziendali così importanti i rischi sono grossi. La vicenda HERA dovrebbe insegnare qualcosa. Sono a disposizione se si vogliono aprire dei ragionamenti.

    Buona domenica.

  • Paolo Zammarchi

    Caro Damiano, sono pienamente daccordo con te e condivido le considerazioni dell’amico Elio Capacci. Il difficile momento che stiamo attraversando ci impone scelte coraggiose, che consentano di razionalizzare la spesa (eliminando sprechi e inutili duplicazioni di uffici) e contestualmente mantenere e migliorare – se possibile – i servizi. Altri enti hanno già cominciato a farlo: ad esempio, i Consorzi di Bonifica. Apriamo pure un ampio e serio dibattito nelle varie sedi politiche ed istituzionali, analizzando in modo approfondito la questione e coinvolgendo la società civile. La vicenda Hera è tutt’altra cosa, non paragonabile alla ristrutturazione dei servizi sanitari che rimangono pur sempre a gestione pubblica; diversa è pure la questione dei distretti, che – riguardando servizi strettamente legati al territorio – è bene che rimangano nella loro attuale articolazione, che consente uu rapporto più diretto e vicino alle persone ed ai loro bisogni.
    Cordiali saluti ed auguri di Buon Natale.

  • Milanesi Francesco

    Ho sempre pensato che l’Azienda Unica di Romagna potesse essere appropriata per l’IRST ma penalizzante per il territorio; con questi lumi di spesa occorre pensarle tutte ma non facciamoci illusioni
    Secondo me il risparmio va ricercato con un sistema privato a cui si rimborsa solo parte dei costi e a una retta giornaliera nelle degenze dopo i primi tre giorni.Sempre col privato va ricercata una collaborazione nella fascia della specialistica dove il pubblico può investire meno dovendo assicurare a tutti sia l’alto livello di prestazioni che la equità delle stesse anche a chi dispone di poche risorse (leggi basso reddito).Penso in particolare a un privato che ha per scopo non il guadagno ma il pareggio di bilancio (Coop. Welfar-Italia…)che non chede soldi al sistema pubblico. Nella mia perplessità mi domando: se non siamo in grado di governare bene le AUSL piccole come potremo farlo con le grandi? Bun Anno Francesco