Piano Telematico, approvato il Programma operativo 2011

Una Regione che voglia dirsi telematica deve mettere la persona al centro. Dopo anni passati a investire sulle infrastrutture (l’impegno su questo fronte non viene meno, comunque) l’Emilia-Romagna comincia a mettere in campo iniziative mirate sul cittadino utente dei servizi. E lo fa partendo dai diritti, pensando alla cittadinanza digitale, al diritto di accesso alla rete, al sapere on-line, ai servizi in rete, ai dati delle pubbliche amministrazioni. Perché l’accesso alla Rete da solo non basta, così come sarebbero inutili dei diritti senza l’accesso in Rete.

Il documento, approvato dalla Giunta regionale nei giorni scorsi, definisce le linee di indirizzo e i progetti con i quali saranno declinate per l’anno in corso le linee guida del Piano Telematico relative al triennio 2011-2013

Sono 27 i progetti contemplati nella prima programmazione annuale operativa del Piano Telematico 2011-2013.

Come emerso dal percorso di ascolto e coinvolgimento degli enti locali e dei portatori di interesse, nel primo anno si dà molta importanza al consolidamento e alla prosecuzione di alcune fondamentali azioni della precedente programmazione (2007-2009), dalle azioni di contrasto al digital divide, alla diffusione di numerosi servizi on line alla totalità dei Comuni del territorio regionale.

Accanto a ciò, a partire dal 2011 saranno avviati i progetti più strettamente connessi ai nuovi diritti di cittadinanza digitale sui quali si incardina il nuovo Piano Telematico, vale a dire l’accesso alle reti e alle tecnologie, quello ai saperi, quello ai servizi on line e ai cosiddetti open data, e la progettazione e lo sviluppo delle città intelligenti.

Così come indicato nelle linee guida per il triennio 2011-2013, i progetti saranno accomunati dalle seguenti parole chiave:

  • centralità dell’utente, spostando il focus dei progetti dai promotori ai beneficiari, e coinvolgendo questi ultimi direttamente nella progettazione dei servizi;
  • sostenibilità, da garantire anche grazie a partnership pubblico-privato nella progettazione e nella gestione dei servizi;
  • concretezza e comunicabilità dei risultati agli utenti finali.

È proprio tenendo conto di questi “imperativi” che rispetto alla precedente programmazione si riscontra una maggiore incidenza, sia a livello quantitativo e qualitativo, di progetti che possano avere impatti concreti e misurabili sugli utenti finali, cittadini e imprese su tutti ma anche, soprattutto per quanto riguarda le attività in continuità col precedente piano, gli enti locali.

Ed è proprio per dare la massima attenzione agli impatti, che a partire da questa programmazione operativa il Piano Telematico si dota di una nuova metodologia di valutazione dei progetti. Questi ultimi saranno d’ora in avanti monitorati non solo in itinere e a progettazione conclusa, ma anche prima della loro partenza, nel rispetto di un modello ciclico volto a far emergere fin da subito le potenzialità di queste azioni e i ritorni attesi dalla loro realizzazione. La valutazione ex ante, d’altronde, è stata già fondamentale nella prima fase di elaborazione dei progetti che fanno parte del programma operativo 2011, perché è a partire da questa pratica che sono stati selezionati gli intervenuti ritenuti più in linea con le parole d’ordine e i principi ispiratori del Piano Telematico 2011-2013.

Una prima presentazione dei progetti contemplati nel programma operativo 2011 è fornita nel documento allegato a questa notizia. A breve, ogni singolo progetto sarà presentato e illustrato in maniera dettagliata nella sezione di E-R Digitale dedicata al Piano Telematico 2011-2013.

È possibile scaricare il testo del PROGRAMMA OPERATIVO 2011 cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.