Trenitalia ancora inadempiente, ICN una beffa per i pendolari

I Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Thomas Casadei hanno presentato un’interrogazione alla Giunta regionale sulla riprogrammazione dei treni decisa da Trenitalia

“Lo scorso 9 dicembre – affermano i consiglieri Zoffoli e Casadei – abbiamo appreso dagli uffici regionali che, per effetto della riprogrammazione del servizio notturno di Trenitalia, a disposizione dei pendolari della Romagna ci sarebbero stati 3 nuovi treni per e da Bologna. Secondo le informazioni pervenute, i titolari di tessera annuale “Mi Muovo Tutto Treno” e degli abbonamenti mensili Es City, dall’11 dicembre avrebbero potuto usufruire di 3 coppie di InterCity Notte: i treni 754, 756 e 758 per Bologna (con partenza da Rimini alle alle 6:10, 7:27, 8:26) e i treni 751, 753 e 755 per Rimini (in partenza da Bologna alle 21:03, 21:56, 23:05), che effettuano le fermate intermedie nelle stazioni di Cesena, Forlì e Faenza. Questa organizzazione sembrava rispondere alle esigenze dei viaggiatori pendolari, ma si tratta solo dell’ennesima beffa“.

“Come scrivono gli stessi pendolari del Comitato RomBO, – proseguono i Consiglieri – dopo soli pochi giorni di test del nuovo orario ferroviario, “è sparita ogni illusione” sulla possibilità che i viaggiatori possano utilizzare davvero questi ICN. I treni, infatti, hanno 1 sola carrozza con 12 scompartimenti da 6 posti (di cui 1 dedicato ai controllori) e 6 carrozze a cuccette sulle quali non è consentito l’accesso ai viaggiatori pendolari. Per i pendolari che non acquistano un biglietto per le cuccette, ma che devono usufruire del treno per recarsi a lavorare o a studiare dalla Romagna a Bologna, è quindi a disposizione una sola carrozza (72 posti a sedere di cui 6 occupati dai controllori): ogni mattina, a Rimini, Cesena, Forlì e Faenza è quasi impossibile salire sui treni perché l’unica carrozza è già strapiena di viaggiatori, stipati anche nel corridoio”.

“Fin dal suo discorso di insediamento il Presidente Errani ha espressamente richiamato più volte la questione della mobilità dei pendolari e dei loro diritti, ribadendo l’impegno che la Regione avrebbe assunto nei confronti di Trenitalia nel far rispettare gli accordi pattuiti, e assumendo il Patto per la buona mobilità come una delle priorità della Regione Emilia-Romagna. Nonostante tutto Trenitalia continua ad aumentare le tariffe, a operare tagli e a non rispettare il contratto di servizio. Con l’interrogazione presentata in Assemblea – concludono Zoffoli e Casadei – chiediamo alla Giunta se è a conoscenza della situazione, e quali provvedimenti intenda prendere con urgenza nei confronti di Trenitalia, affinché tutti gli InterCity Notte abbiamo almeno 3 carrozze non adibite a cuccette così da permettere la fruizione e l’utilizzo degli stessi da parte dei pendolari che quotidianamente si spostano dalla Romagna a Bologna, per motivi di studio o di lavoro”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Trenitalia ancora inadempiente, ICN una beffa per i pendolari

  • Marco Amadori

    Mi auguro che la regione Emilia Romagna dimostri con i fatti che vuole investire sul trasporto eco compatibile ed eco sopportabile per chi ogni giorno si fa 200 chilometri per lavorare. Se non sbaglio dovrebbero essere arrivati 100 milioni dallo Stato per il trasporto.
    Nell’attesa di un servizio accettabile saluto cordialmente.
    Marco Amadori

  • Salvatore Zappala'

    Condivido l’interrogazione e speriamo che la Giunta reg. si muova nel sollecitare l’aumento delle carrozze con posti a sedere ma anche.. perchè no, per chiedere il reintegro di un qualche eurostar.
    In effetti si tratta di una vera e propria beffa. Aggiungo che c’è anche dell’incredibile: ieri mattina dovendo recarmi a Bologna, e ignaro di questo nuovo stato di cose, l’ICN delle 8.44 era già pieno e… il bigliettaio continuava a dire che non potevo salire sul treno… ed emetteva il biglietto per il treno regionale successivo, delle 9.17, demandando alla benevolenza e alla valutazione del personale di bordo valutare se ci fosse posto … nel corrodio.
    Sono salito comunque a bordo (avevo una riunione alle 10.00) e sono stato nel corridoio, di fronte a decine di scompartimenti cuccette chiuse a chiave e non usufruite da alcun viaggiatore.

    Quando da giovane andavo in sicilia in cuccetta, alle 8.00 del mattino circa gli scompartimenti cuccette cessavano il servizio notte ed erano disponibili ai viaggiatori che, ad es. salivano a messina.
    Un treno che fa una fermata alle 8.44 (e ancora più tardi a Forlì, Faenza, Imola) quanto a lungo deve ancora fare servizio notte!?
    = ad un certo orario si potrebbero aprire tutti gli scompartimenti in quanto… la notte è ormai (forse) passata.
    Cari saluti
    salvatore zappala’

  • Marco

    La beffa è data dal fatto che i controllori dicono esplicitamente che quello NON è un treno per pendolari, e che se è pieno non si può salire.
    In pratica, si deve aprtire la mattina da casa, sperando che il controllore abbia la compiacenza di farti salire, che se gli gira male (dato che comunque la carrozza è SEMPRE piena) non lo prendi. Incredibile.
    Se è vero che la regione paga trenitalia per garantire il trasporto, dovrebbe bloccare ogni forma di pagamento, dato che i “treni sostitutivi” per le fermate soppresse a dicembre non sono, per ammissione esplicita dei controllori, destinati ai pendolari ma solo al servizio notte proveniente da Lecce.
    Questa a casa mia è una truffa.