VITTORE CASALBONI, un frate “operaio” con la tuta da lavoro

Fra Vittore è il fratello di Agostina Casalboni, che è la mia mamma.
Uno zio davvero speciale, che domenica scorsa abbiamo festeggiato tutti insieme, per i suoi primi 50 anni di “saio e sudore”.
In quell’occasione, Giuliano Biguzzi ed Eugenio Campana, suoi compagni di classe alla scuola elementare, gli hanno dedicato alcune zirudele in dialetto romagnolo, che è possibile scaricare cliccando qui.
Damiano Zoffoli


Corriere ROMAGNA – venerdì 9 dicembre 2011.

Cinquant’anni di sacerdozio da festeggiare. Per un frate che non dice Messa e che sta dedicando tutta la sua vita al lavoro manuale.

Fra Vittore Casalboni ha festeggiato ieri per la prima volta i suoi “primi 50 anni” col saio. Alle 11 è stata celebrata per lui una Messa nel luogo in cui vive da tempo: al Convento dei frati cappuccini di Imola di via Villa Clelia 16.

Cesenate, qui ha ancora molti parenti: così domenica alle ore 9 verrà celebrata anche qui una seconda Messa per lui, nella chiesa parrocchiale di San Vittore.

Non ci saranno regali materiali che Fra Vittore non desidera. Ma se qualcuno vuole fare “un pensiero ” può devolvere un’offerta per le Missioni che hanno i frati dell’Emilia Romagna per le quali lui lavora tanto. In particolare quelle dell’Etiopia.

Fra Vittore, cesenate d’origini, fa parte dei Frati minori cappuccini dell’Emilia Romagna e dopo essere stato tanti anni a Bologna, lavora da tempo nel convento di Imola come collaboratore delle missioni. È l’anima pulsante di tutta la raccolta del materiale per un mercatino che va avanti da 20 anni. Consiste nel raccogliere roba vecchia dalle case, donata dalle famiglie. Una volta l’anno c’è anche un campo di lavoro a cui partecipano ogni volta 150 giovani da tutta Europa. La “roba vecchia” viene aggiustata e rivenduta. Per finanziare le missioni in Etiopia.

Fra Vittore è un frate grande e grosso (190 centimetri per circa 100 chili) e va in giro per Imola e zone limitrofe per una continua questua assieme al suo camioncino. Raccoglie vestiti e scarpe, vecchie lavatrici, frigoriferi. Ogni cosa viene aggiustata e rivenduta.

«Sono entrato per la prima volta in un convento dei Cappuccini nel dicembre del 1959 – ha spiegato al periodico “Parole e sandali per strada” – e le missioni mi hanno subito affascinato. Io sono sempre stato un amante del lavoro, non dello studio. Volevo essere vicino alle missioni. Ma stavo arrendendomi all’idea di non poter entrare in convento quando mi dissero che serviva studiare. Avevo capito male: qui si può stare anche se si è “uno da lavori manuali” come me. Ed il lavoro è diventata ed è ancora la parte più bella della mia vita. Tanto che a volte mi vien da pensare che il giorno più brutto della settimana sia la domenica. Perché non si lavora. Grazie a Dio qui a Imola tra l’andare ad aprire la porta, cucinare per la fraternità, svuotare il carretto dove la gente mette gli oggetti per il mercatino, c’è sempre qualcosa da fare. Se penso quelli che non fanno niente… Mi chiedo come facciano a resistere alla domenica».

Più che il saio Fra Vittore utilizza maggiormente la tuta da lavoro. Sa aggiustare quasi tutto e maneggia pesanti martelli con la leggiadria di una bacchetta da direttore d’orchestra. «Anche se a volte capita di farsi male – chiosa Fra Vittore – è difficile trattenersi dall’imprecare. Ma va da sè… Non si può blaterare tanto, anche con le dita ammaccate. Vi immaginate voi cosa penserebbe la gente sentendo un frate “tirar moccoli”?».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.