“MAFIE SENZA CONFINI, NOI SENZA PAURA”

I contenuti del primo “dossier Emilia-Romagna”: usura e pizzo contagiano la nostra Regione, alzare la guardia non basta più!

Strategia dell’occultamento, dell’inabissamento, del mimetismo: non a caso si continua a parlare di “Mafia invisibile”, al nord. Ma è ora di prendere atto che non esistono territori immuni e che i tentativi di infiltrazione mafiosa procedono di pari passo con le grandi occasioni di affari. E la criminalità organizzata si è da tempo insediata anche in Emilia-Romagna, indirizzandosi su settori assai redditizi, e più aderenti alle caratteristiche delle nuove generazioni di mafiosi; negli ultimi anni la vocazione imprenditoriale della criminalità organizzata riesce a realizzarsi sul territorio attraverso un tasso di violenza marginale, privilegiando forme di accordo e collaborazione con settori della politica, dell’imprenditoria e della Pubblica amministrazione.

È quanto emerge dal dossier sulle mafie in Emilia-Romagna (“MAFIE SENZA CONFINI, NOI SENZA PAURA“), realizzato da Libera Informazione su impulso dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna.

192 pagine che forniscono la mappa completa della presenza delle cosche – ‘Ndrangheta, Camorra, Cosa nostra – nelle province (nessun territorio ne è immune) e numeri che dicono tutto: 8.500 commercianti vittime dell’usura, 2 mila di estorsione, 1.250 segnalazioni di operazioni finanziarie sospette arrivate alla banca d’Italia nel primo semestre del 2011.

Del resto, è più conveniente per le organizzazioni criminali riciclare i grandi profitti ottenuti dal traffico di stupefacenti infiltrandosi nell’economia legale. I campi di attività sono assai diversificati e tendono a dilatarsi: appalti pubblici ed edilizia privata, estorsioni e usura, apertura di attività commerciali, gestione di locali notturni, commercio di alimenti contraffatti, sfruttamento della prostituzione, gioco d’azzardo, servizi alla grande distribuzione, persino l’ingresso in società di calcio… Per il raggiungimento di questi risultati, le organizzazioni mafiose non possono prescindere dall’interazione con la Pubblica amministrazione e la politica.

In Emilia-Romagna la violenza è episodica, ma non sono mancati attentati e gravi intimidazioni. La realizzazione degli obiettivi delle associazioni mafiose non passa necessariamente per l’occupazione del territorio e l’intimidazione; più spesso, – sottolinea il dossier di Libera Informazione – la mimetizzazione avviene tramite la pratica dell’avvicinamento/assoggettamento (a volte consenziente) di soggetti legati in quei luoghi da comunanze di interessi: per esempio, gli imprenditori edili operanti nella zona dove maggiore è l’influenza del gruppo criminale, oppure politici e amministratori pubblici disposti a sottoscrivere patti di connivenza per tornaconto elettorale o economico.

L’attuale fase di crisi economica aumenta gli effetti distorsivi provocati dalle infiltrazioni dell’impresa criminale nel mercato. Si sta assistendo alla progressiva criminalizzazione della economia legale, attraverso l’impiego e la trasformazione di un’enorme quantità di denaro ricavato dai traffici illeciti. Il costante inquinamento dell’economia legale e la progressiva e contestuale finanziarizzazione delle ricchezze mafiose, sono i fattori principali che hanno permesso alla cosche un imprevedibile “balzo nella modernità”. Impressionante paradosso, se si pensa che queste organizzazioni venivano etichettate come fattore dell’arretratezza di alcune regioni marginali, destinate a sparire con il progresso.

Basta osservare l’andamento delle segnalazioni di operazioni sospette registrate dall’Unità di informazione finanziaria (Uif) istituita dalla Banca d’Italia; si tratta di segnalazioni fornite da banche, Poste, intermediari: “Le segnalazioni di operazioni sospette sono passate da circa 1.000 nel 2008 a più di 3.000 nel 2010, ragguagliandosi all’8,6% del dato nazionale. Per quel che riguarda il primo semestre del 2011 si registrano 1.250 segnalazioni sospette”. L’andamento delle segnalazioni rispetto alle province di provenienza delle stesse, nel 2010 vede al primo posto Bologna (21%), poi Rimini (17%), Modena (15%), Reggio Emilia (14%), Parma (10%), Forlì-Cesena (8%), Ferrara (6%), Ravenna (5%), e infine Piacenza (4%).

Il Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro), in un suo recente rapporto sulle infiltrazioni mafiose nel nord-Italia, fa capire che si è conclusa una fase di transizione: in passato, l’Emilia-Romagna era per le cosche mafiose una terra di passaggio, un territorio lungo il quale transitare senza dare nell’occhio, per non attirare troppo l’attenzione delle istituzioni preposte al controllo di legalità. Oggi, la realtà con la quale occorre misurarsi è ben diversa: una delle regioni più importanti per l’economia del Paese è al centro delle attenzioni di mafia, camorra e ‘ndrangheta. Il tessuto di piccole e medie imprese e la vocazione turistica e alberghiera sono le calamite che hanno attirato gli uomini delle cosche.

È possibile scaricare il DOSSIER cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.