Sì alla tutela e alla valorizzazione delle nostre produzioni agroalimentari

L’Assessore regionale Tiberio Rabboni ha risposto ad una nostra interrogazione sulla tutela del “made in Italy”

Il “made in Italy” agroalimentare costituisce un valore del territorio e un bene collettivo da salvaguardare a tutto campo. Per garantire la tutela effettiva di queste produzioni è necessaria un’azione di vigilanza e denuncia costante“. Questa è la risposta dell’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni ad una interrogazione presentata dai consiglieri regionali Damiano Zoffoli (primo firmatario, Pd), Tiziano Alessandrini (Pd), Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), Franco Grillini (Idv) e Monica Donini (Fds) che chiedeva alla Giunta nuovi criteri per la tutela dei veri prodotti “made in Italy”.

“L’Unione Europea – scrive ancora l’Assessore Rabboni – sollecitata dallo Stato italiano e dalla Regione Emilia-Romagna sta rafforzando le norme e gli strumenti per la tutela della qualità dei prodotti con vari strumenti tra i quali il “pacchetto qualità”, il “Libro verde sulla promozione dei sapori d’Europa” e con le norme e gli accordi sull’etichettatura e la tracciabilità dei prodotti. La Regione Emilia–Romagna, oltre a supportare attivamente queste importanti iniziative a livello normativo europeo ed internazionale, è anche fortemente impegnata in accordo con i Consorzi di Tutela nella promozione sui mercati esteri, ad esempio con il progetto “Deliziando”, dei propri prodotti DOP e IGP, rigorosamente controllati ed ottenuti sul proprio territorio”.

L’interrogazione dei Consiglieri regionali del centrosinistra chiedeva inoltre alla Giunta di verificare l’azione della Società italiana per le imprese all’estero – SIMEST, società finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all’estero controllata dal Ministero dello Sviluppo Economico, che avrebbe destinato risorse alla produzione e alla distribuzione di prodotti alimentari che non hanno nulla a che fare con il tessuto produttivo italiano. A questo riguardo l’Assessore Rabboni sottolinea che “sostenere, come ha fatto SIMEST, insediamenti industriali per produrre all’estero, con materia prima estera, falsi prodotti italiani (tra i quali “Culatello biellese”, “Finocchiona Toscanella”, “Bresaola”), sia in palese contraddizione con le molteplici iniziative finalizzate alla tutela ed alla valorizzazione delle nostre produzioni di qualità ed alla lotta alle contraffazioni che, secondo calcoli attendibili, provoca danni per oltre 60 miliardi di euro all’anno, ovvero una cifra superiore all’intero valore delle nostre esportazioni”.

I Consiglieri Zoffoli, Alessandrini Naldi, Grillini e Donini esprimono piena soddisfazione per la risposta arrivata dall’Assessorato.

“Iniziative industriali e commerciali destinate a produrre rilevanti danni di carattere economico e di immagine devono essere assolutamente bloccate e perseguite – affermano i Consiglieri – e di conseguenza la nostra Regione chiede al Governo di intervenire con urgenza, introducendo adeguati criteri per la valutazione dei progetti destinati a sostenere l’internazionalizzazione delle imprese agroalimentari, per evitare il ripetersi di situazioni simili a quelle denunciate. Chiediamo inoltre di garantire la piena trasparenza sull’operato di SIMEST o di altri soggetti gestori di risorse pubbliche che operano nel medesimo settore e di potenziare le iniziative di contrasto alla contraffazione dei prodotti agroalimentari italiani, in particolare di quelli DOP e IGP, e sostenere in modo adeguato la loro promozione sui mercati esteri”.

È possibile scaricare il testo della RISPOSTA all’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Sì alla tutela e alla valorizzazione delle nostre produzioni agroalimentari

  • fiorenzo antonioli fantini

    è doveroso e assulutamente inportante tutelare le nostre produzioni locali e italiane,
    per dare piu forza a questa tutela sarebbe bene coinvolgere il parlamento europeo visto
    che la maggiore contraffazione dei nostri prodotti vine da paesi exstaeuropei.