No alla svendita delle frequenze TV

Broadcast antenna - CC by Ricky EdwardsGli sprechi sono sempre insopportabili. Gli sprechi di risorse pubbliche sono addirittura odiosi. Ma gli sprechi di risorse pubbliche in tempo di crisi, quando si chiedono a tutti sacrifici straordinari, sono un vero e proprio schiaffo ai cittadini.

“Non si possono assegnare beni pubblici, come le frequenze aggiuntive per la televisione digitale, in modo gratuito a Rai e Mediaset – ha commentato il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – come voleva fare il governo Berlusconi con la procedura del “beauty contest”. Il governo Monti, dopo aver congelato questa procedura, ora ha il dovere di indire un’asta regolare, che possa valorizzare al massimo le frequenze a tutto vantaggio dei conti pubblici. Da alcune stime si potrebbero ricavare dai 2 ai 16 miliardi di euro, somme ancora più rilevanti per le casse pubbliche di questi tempi”.

Quello delle frequenze di trasmissione è un tema chiave non solo per l’economia, ma anche per il pluralismo dell’informazione. Già a inizio mese l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato, a maggioranza, alcune mozioni e risoluzioni sul tema. Tra queste una, presentata dall’IDV, sulla “espropriazione” di alcune frequenze all’emittenza locale a vantaggio delle compagnie telefoniche.

Prima di Natale il Parlamento ha poi approvato un Ordine del giorno che impegna il Governo a revocare il bando e il disciplinare di gara per all’assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze televisive, cinque per il digitale terrestre (DVB-T) e una per il digitale mobile (DVB-H) oppure per il digitale terrestre di seconda generazione (DVB-T2), bandita dall’ex Ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani.

“Il Parlamento si è mosso nella direzione giusta – sottolinea Zoffoli – nel solco già tracciato dalla Regione Emilia-Romagna. Ora il Governo non può e non deve tirarsi indietro. Sul riordino delle frequenze l’esecutivo deve dimostrare di essere libero da condizionamenti e agire nell’interesse esclusivo dei cittadini. Le frequenze devono essere valorizzate economicamente e tenere conto delle emittenti locali, un’importante realtà per il pluralismo dell’informazione, che oggi rischiano di vedere ridotte le proprie frequenze di trasmissione”.

È possibile scaricare il testo della MOZIONE sul “beauty contest”, approvata dall’Assemblea Legislativa, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.