Fermiamo il ridimensionamento della Rai regionale

monoscopio RaiPer molte persone ormai Internet, e la stampa online in particolare, rappresenta il primo canale di accesso alle informazioni. Ma per la maggior parte dei cittadini la televisione ha ancora un ruolo preponderante, ruolo che conserverà per molti anni a venire.

Per questo, dopo essere intervenuto pochi giorni fa sulla vicenda del beauty contest con il quale il Governo Berlusconi voleva svendere le frequenze televisive, torno sull’argomento TV in difesa della Rai regionale.

Subito prima di Natale ho depositato una risoluzione, sottoscritta da tutti i Consiglieri del Partito Democratico (primo firmatario Giuseppe Pagani), che impegna la Giunta regionale a mettere in atto azioni che permettano la destinazione di parte dei proventi del canone Rai per la crescita e lo sviluppo della sede di Bologna dell’azienda radiotelevisiva italiana.

L’azienda Rai, infatti, ha deciso di operare dei tagli alle sedi regionali che comprendono anche la cessione della società Raiway e la chiusura delle riprese esterne.

Questi tagli operati dalla sede centrale dell’azienda non provocano un semplice ridimensionamento dell’organico ma dequalificano l’offerta radiotelevisiva regionale, ormai ridotta semplicemente al notiziario.

Non è possibile che le sedi regionali Rai perdano organico e programmi e questa risoluzione prevede che parte degli introiti derivanti dal canone vadano a finanziare le sedi regionali, consentendo così di mantenere alta l’offerta e mantenere le squadre esterne.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.