Contributi a fondo perduto a sostegno dei vini locali

Dalla Regione in arrivo 3,4 milioni di euro per realizzare negozi di vendita diretta ed online

Grappolo d'uva - foto CC by Chris CampbellIl vino buono fa buon sangue, come recita il proverbio, ma anche “buona terra”: “Dietro ad ogni bottiglia di vino c’è un lavoro fatto in primo luogo della passione degli agricoltori locali. Sostenere i vini di qualità della propria regione significa, dunque, sostenere la produzione agricola locale, indispensabile presidio sul territorio”.

Questo il commento del Consigliere regionale Damiano Zoffoli all’annuncio dello stanziamento da parte della Regione Emilia-Romagna di 3,4 milioni di euro, in contributi a fondo perduto, per realizzare negozi di vendita diretta di prodotti vitivinicoli, fisici oppure online (commercio elettronico).

C’è tempo fino al 31 gennaio per presentare la propria domanda di partecipazione al bando indetto dalla Giunta regionale, illustrando un progetto da realizzare entro metà luglio.

I progetti, presentati da imprese con sede legale in Emilia-Romagna o gli impianti di trasformazione e commercializzazione sul territorio regionale, dovranno prevedere investimenti tra 30mila e 300mila euro. Sono previsti punteggi maggiori per le produzioni biologiche di qualità e per chi crea nuova occupazione.

Il contributo regionale sarà pari al 40 per cento della spesa ammissibile per le imprese fino a 250 dipendenti (fatturato massimo 50 milioni di euro) e del 20 per cento per quelle fino a 750 persone in organico (fatturato fino a 200 milioni di euro).

È possibile scaricare il testo della DELIBERA di Giunta regionale cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.