Commercio equo e solidale, la Regione “premia” Forlì e Cesena

In arrivo quasi 54mila euro a sostegno dei punti vendita della cooperativa Equamente. Su dieci progetti regionali, quello di Forlì-Cesena raccoglie quasi la metà dei contributi totali.

Fair Trade FoodPrimi frutti per la legge regionale sul sostegno al commercio equo e solidale, approvata due anni fa. Nel periodo natalizio la Giunta regionale ha reso noto i vincitori del primo bando, pubblicato l’estate scorsa. A loro andranno oltre 112mila euro da usare per opere edili, impiantistiche o di arredamento nelle sedi delle associazioni o degli enti.

Quasi la metà dei contributi è stata destinata alla cooperativa forlivese Equamente, con punti vendita a Forlì, in corso Diaz e a Cesena, in piazza del Popolo.

La cooperativa, che nel 2010 contava oltre 200 soci, ha dimostrato di aver effettuato lavori per 139mila euro nei 12 mesi precedenti la scadenza del bando. Rispetto al totale dei costi, ben 134mila e 800 euro sono stati dichiarati spese ammissibili ai sensi del bando, così alla cooperativa sono stati riconosciuti 53mila e 900 euro di contributi (pari al 40 per cento della spesa ammissibile).

“Acquistando prodotti del commercio equo e solidale – spiega il Consigliere Damiano Zoffoli, tra i sostenitori della legge regionale nella scorsa legislatura – i consumatori possono dare opportunità di sviluppo direttamente a produttori e lavoratori, contribuendo in modo consapevole e responsabile alla riduzione del divario tra Nord e Sud del mondo. Per questo sostenere e promuovere il commercio equo e solidale rappresenta un impegno per la nostra Regione”.

Le attività della cooperativa Equamente non si limitano alla commercializzazione di prodotti realizzati in modo “equo”, ma spaziano dall’informazione sul consumo consapevole alla promozione di modelli di sviluppo sostenibile.

“Si tratta proprio di quello di cui abbiamo bisogno al giorno d’oggi – commenta Zoffoli – in questi tempi di crisi. Non si tratta più solo di dare solidarietà ad altri popoli, ma di ripensare il proprio stile di vita, aprendosi alla cultura del consumo responsabile, contro ogni tipo di spreco”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.