“TEATRO POPOLARE E SOCIETÀ, il cambiamento per l’evoluzione”

Sabato mattina un convegno a Cesena: per la prima volta si parlerà di teatro facendo teatro, con un palco all’interno del Palazzo del Ridotto

“TEATRO POPOLARE E SOCIETÀ, il cambiamento per l’evoluzione”LA VOCE di Romagna – lunedì 16 gennaio 2012.

Sabato 21 gennaio, alle ore 9.30, nella sala del Palazzo del Ridotto (Piazza Almerici) di Cesena verrà celebrato il teatro romagnolo con un convegno dal titolo: “TEATRO POPOLARE E SOCIETÀ, il cambiamento per l’evoluzione”.

Interverranno il regista teatrale Sergio Buratti, il professor Tito Menzani dell’Università di Bologna e Giovanni Monti, presidente Legacoop Ravenna.

Il mio invito è rivolto a tutte le compagnie teatrali della Romagna iscritte alla F.I.T.A, alla Capit, alla U.L.T, a tutti gli attori che si dilettano di teatro dialettale e a tutti gli appassionati. L’occasione è davvero ghiotta perché per la prima volta si parlerà di teatro facendo teatro, sarà infatti montato un palcoscenico all’interno del Palazzo del Capitano (prima volta nella storia), dove saranno rappresentati i brani più significativi tratti dalle seguenti commedie: “Una volta in Rumagna”, “Byron”, “La Broja”, “La Piteda”, “Nuitar e la Stòria”.

Le compagnie impegnate saranno: “Il Piccolo Teatro Città di Ravenna” guidato dal regista Roberto Battistini, “La Cumpagnì dla Zercia” di Forlì di Giorgio Barlotti e “E Zarcet” di Silvia Dall’Ara.

Il pubblico potrà gustarsi la parte più significativa della drammaturgia romagnola in un unico spettacolo, esperienza più unica che rara, che il regista ravennate Roberto Battistini ha saputo “cucire” per la speciale occasione.

Gli attori, provenienti da diverse realtà, si sono impegnati nelle prove per alcuni mesi, perché mossi dalla consapevolezza di offrire una possibilità unica agli appassionati di teatro. Non mancheranno neppure gli “scoop” storici che ci racconteranno Tito Menzani e Sergio Buratti. In particolare verrà trattato il tema della “Commedia Nova”, prima opera in dialetto romagnolo del 1570 e la storia dei braccianti come non si era mai conosciuta, attraverso la drammaturgia.

Alla fine avremo una visione più completa del teatro dialettale e forse avremo maturato nuove idee su come affrontare la crisi dell’attuale società.

Alle ore 12 sarà previsto uno spazio per gli interventi del pubblico e alle 12.30, visto che tutti i Salmi finiscono in gloria, ci sarà spazio per un buffet aperto a tutti gli intervenuti.

Le commedie

Una vôlta in Rumâgna”, di Giovanni Spagnoli, è una commedia che eleva il teatro romagnolo ad un ruolo finora mai tentato. Quando la nostra terra di Romagna era in assoluta arretratezza, l’aristocrazia e la borghesia erano occupate solo alla divisione delle terre con l’unico scopo di arricchirsi, risultato finale condizione di vita degradanti per il popolo. La commedia attraversa gli anni 1847/49 e mette a fuoco una memoria storica.

Byron”, sempre di Giovanni Spagnoli, narra degli incontri che avvengono nelle stanze di palazzo Gamba, la casa paterna della contessa Teresa Guiccioli, tra Byron e quella parte dell’aristocrazia ravennate che simpatizza con la carboneria, più per opportunismo che per ideale.

La Broja”, di Bruno Gondoni, narra l’epopea della prima cooperativa di lavoro fondata da Nullo Baldini. A Ostia per ricordare l’impresa dei braccianti ravennati che, a partire dall’autunno del 1884, intrapresero l’opera di bonifica ad Ostia ed a Fiumicino è stata murata una lapide.

Ne “La Piteda”, di L. Timoncini, lo sfondo è la realtà politica e sociale del primo Novecento. Caratteristica di quell’epoca, oltre la fame, la miseria e la disoccupazione, era la lotta politica fra la lega gialla repubblicana e la lega rossa socialista.

Diego Angeloni

È possibile scaricare il VOLANTINO dell’iniziativa cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.