Riforma ISEE: riconoscere la funzione sociale della famiglia

“Come valuta la Regione lo strumento ‘Quoziente Parma’ e cosa pensa della sua temporanea sospensione decisa, nei giorni scorsi, dal Commissario straordinario del Comune?”

È quanto chiedono alla Giunta regionale i Consiglieri del Pd Damiano Zoffoli, Beppe Pagani, Gabriele Ferrari e Marco Barbieri in un’interrogazione nella quale ricordano che il ‘Quoziente Parma’, istituito con deliberazione del Consiglio comunale nell’ottobre del 2009, con l’unanime consenso delle forze politiche, “è uno strumento che consente di migliorare i sistemi fiscali e tariffari di potestà del Comune per promuovere una città più a misura di famiglia”.

In tema di revisione dei meccanismi di modulazione dei ticket sanitari – fanno presente Zoffoli e colleghi – il Presidente Errani e l’Assessore regionale Lusenti hanno più volte affermato che la Regione sta lavorando per mettere a punto uno strumento di maggiore equità e per definire, partendo dall’Isee e facendo le modifiche necessarie, criteri più puntuali.

Rispetto quindi alla complessiva revisione della normativa sulla compartecipazione alla spesa socio-sanitaria prevista dalla manovra Monti, i quattro esponenti del Pd nell’interrogazione chiedono anche di sapere “come la Regione Emilia-Romagna intenda partecipare, e con quali indirizzi, all’elaborazione di politiche e strumenti (come quello citato) più equi, che finalmente mettano al centro la famiglia e riconoscano davvero la sua funzione sociale, anche alla luce – precisano – del dibattito sui ticket sanitari che, nei mesi scorsi, si è sviluppato nelle commissioni e in aula, e degli impegni assunti”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Riforma ISEE: riconoscere la funzione sociale della famiglia

  • Paolo Bergonzoni

    La Consulta della famiglie di Forlì, e con essa le sue associazioni, da tempo promuove e sostiene le tematiche e gli obiettivi dell’equità tariffaria, come riconoscimento della centralità della famiglia e della sua insostituibile funzione sociale.
    Esprimiamo quindi l’adesione all’iniziativa dei Consiglieri Zoffoli, Pagani, Ferrari e Barbieri e il plauso al loro lavoro, con l’auspicio che l’Assemblea regionale sia sensibile a questi temi e la Giunta possa predisporre adeguati provvedimenti, come richiesto.
    Il Coordinatore della Consulta
    Paolo Bergonzoni