Buoni libro: al via le domande per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo

In arrivo più di 359mila euro a disposizione di oltre 2270 studenti di Forlì-Cesena

La Regione Emilia-Romagna ha fissato al 10 marzo 2012 il termine ultimo per consegnare, alle segreterie delle scuole frequentate, il modulo compilato di richiesta del contributo per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo (ai sensi dell’art. 3 della Legge regionale 08 agosto 2001, n. 26 “Diritto allo studio ed all’apprendimento per tutta la vita”).

I destinatari dei contributi, che devono avere valore ISEE del nucleo famigliare riferito ai redditi dell’anno 2010 pari o inferiore a 10.632,94 euro, sono gli studenti residenti e frequentanti le scuole nella Regione Emilia-Romagna, secondarie di 1° e 2° grado, statali, private paritarie e paritarie degli Enti Locali, non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale, e gli studenti di scuole dell’Emilia-Romagna residenti in altre Regioni che erogano il beneficio secondo il criterio “della scuola frequentata” (in questo caso competente all’erogazione del beneficio è il Comune sul cui territorio si trova la scuola frequentata).

Nella domanda deve essere indicata in autocertificazione la spesa effettivamente sostenuta per l’acquisto dei libri di testo per l’anno scolastico 2011/2012, della quale è comunque necessario conservare tutta la documentazione, da esibire a richiesta.

L’importo del beneficio non potrà superare il costo della dotazione dei testi della classe frequentata entro i limiti stabiliti dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con Decreto del 10 maggio 2011, n. 43.

Questi contributi – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffolirendono effettivo il diritto allo studio e all’istruzione per tutti gli alunni e aiutano le famiglie, già alle prese con una fase di grave difficoltà economica, nel loro fondamentale compito di educazione e formazione dei nostri giovani e ragazzi. Da qualche anno a questa parte, i “tagli” alla spesa pubblica hanno inciso profondamente sulle risorse che lo Stato destina al sistema scolastico italiano. Pur riconoscendo l’esigenza di razionalizzare la spesa pubblica, non condivido che sia l’educazione a pagarne le conseguenze. Solo investendo sulla scuola e sulla formazione integrale e permanente della persona, evitando l’impoverimento dell’offerta scolastica e della sua qualità, abbiamo la possibilità di tornare a crescere, di trasmettere ai nostri giovani un’idea di futuro, capace di rispondere alle nuove sfide che abbiamo di fronte”.

È possibile scaricare la DELIBERA di Giunta, con il riparto dei fondi nei Comuni dell’Emilia-Romagna, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.