L’impegno dell’Emilia-Romagna nella lotta alle mafie

Sono lontani i tempi in cui le mafie erano avvertite, dagli emiliani e dai romagnoli, come un fenomeno lontano, un flagello economico e sociale prerogativa del mezzogiorno d’Italia. Anno dopo anno, le cosche della criminalità organizzata si sono insediate nella nostra regione e in tutto il Nord, facendo affari senza clamore. Pronte, però, a imboccare con spietata fermezza la strada della violenza nei confronti di chi cerca di denunciare le loro attività illecite, dal riciclaggio all’investimento di denaro sporco.

È il caso, ad esempio, del giornalista Giovanni Tizian, autore del libro-denuncia “Gotica” e di numerose inchieste giornalistiche sul quotidiano la Gazzetta di Modena e altri periodici. Tizian non ha esitato ad esporsi in prima persona con i suoi scritti, incurante dei rischi a cui andava incontro.

E tutto questo pur essendo un giornalista precario, a fronte dunque di compensi risibili e in assenza di tutele sindacali. Le sue ricerche rigorose e la sua passione civile hanno toccato nervi scoperti, tanto da farlo finire nel mirino dei clan. Per questo, dalla settimana scorsa, gli è stata assegnata una scorta e la sua vita è radicalmente cambiata.

L’Assemblea Legislativa regionale questa settimana ha approvato, all’unanimità, una risoluzione di solidarietà a Giovanni Tizian. Si tratta solo dell’ultimo segnale nel lungo impegno della Regione Emilia-Romagna sul fronte comune della lotta alle mafie e contro le infiltrazioni delle organizzazioni criminali nel territorio regionale.

In questa battaglia, il Partito Democratico si è mosso da tempo invitando tutti a tenere alta la guardia. Il mese scorso, solo per citare un esempio tra tanti, il Pd ha presentato una risoluzione per invitare la Giunta a pubblicizzare in ogni sede tutti gli strumenti disponibili nella lotta alle mafie, sollecitando tutte le aziende all’adesione dei protocolli di legalità, a partire dalle società e istituzioni pubbliche.

Negli ultimi due anni sono state approvate leggi per il contrasto alle infiltrazioni mafiose e per la promozione della legalità, specie nel campo dell’edilizia, particolarmente a rischio.

Il mese scorso, poi, il Ministro dell’Interno Cancellieri ha finalmente dato risposta positiva alle annose richieste del Pd regionale sull’istituzione di una sede della Dia in Emilia-Romagna. Anche a Bologna si insedierà una Direzione investigativa antimafia, organismo investigativo interforze specializzato nel perseguire la criminalità organizzata. La Direzione distrettuale antimafia (Dda) dell’Emilia-Romagna potrà così contare per le proprie indagini su questo specialissimo braccio operativo.

Le leggi, le risoluzioni e i più avanzati strumenti d’indagine però non basteranno senza una presa di coscienza e senza l’impegno determinato di tutta la società civile: “Le organizzazioni criminali si sono insediate nel nostro territorio – commenta il Consigliere Damiano Zoffoli – rilevando aziende in crisi, proponendosi come partner d’affari oppure offrendo liquidità a imprenditori in difficoltà. L’insediamento di una sede Dia in Regione e le leggi approvate sono fatti importanti, ma ogni cittadino deve sapere quali sono i rischi che si corrono accettando i soldi della malavita o aprendo ai clan le porte della propria azienda. Sta a noi respingere in primo luogo i frutti avvelenati che ci porgono le mafie, per evitare un loro radicamento strutturale. Per quanto riguarda la politica, invece, bisogna che tutti gli eletti negli enti locali e i nominati nelle aziende pubbliche facciano attenzione nell’indire aste al massimo ribasso, favorendo al contrario chi può presentare dei solidi progetti industriali in gare ad evidenza pubblica”.

È possibile scaricare di seguito le RISOLUZIONI citate:

Risoluzione sui mezzi di contrasto alle mafie

Risoluzione bipartisan di solidarietà a Tizian

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.