Frutticoltura, chiesti interventi preventivi per proteggere le ciliegie dagli insetti

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, raccogliendo la preoccupazione dell’Associazione cesenate APROCCC, che raggruppa i produttori di ciliegie di qualità, ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale, per sapere quali interventi di prevenzione la Regione intenda intraprendere per rallentare la diffusione del Drosophila Suzukii, un insetto originario del sud-est asiatico. Nel 2008 il piccolo moscerino è stato segnalato in alcuni Stati di Usa e Canada; nel 2009 ha fatto la sua comparsa anche in Europa, a partire dal Trentino, per poi diffondersi anche in Emilia-Romagna.

E nell’estate del 2011 questo insetto ha causato perdite ingenti (fino al 100% della produzione) ai danni della famosa ciliegia Corniola delle colline cesenati e perdite di circa il 30-35% dell’intera produzione delle differenti varietà di ciliegia coltivate nel cesenate.

“Alla luce degli ingenti danni provocati, la scorsa estate, nel nostro territorio provinciale – spiega Zoffoli – ho chiesto quali misure, di prevenzione e controllo, la Giunta abbia intrapreso o intende intraprendere per rallentare la diffusione di questo insetto e salvaguardare la cerasicoltura e l’intera frutticoltura, importanti fonti di reddito per numerose aziende agricole della nostra Regione. Nel cesenate tanti produttori sono preoccupati e chiedono una soluzione quale, ad esempio, la registrazione di molecole efficaci alla lotta”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.