Fare politica: se non ora, quando?

Il montismo vince, i partiti non sanno più fare politica” è il titolo dell’editoriale di Peppino Caldarola, pubblicato su Linkiesta lunedì 23 gennaio, che riporto qui di seguito.
Mi pare che colga bene il rischio, e allo stesso tempo la sfida, che i partiti hanno di fronte.
Damiano Zoffoli

Mentre Monti in tv spiega e rispiega la seconda tappa del progetto Salva Italia, cresce nei partiti, soprattutto in quelli che lo appoggiano, il nervosismo. Le preoccupazioni sono diverse tra partito e partito. Il Pdl teme che la scure delle liberalizzazioni si abbatta principalmente sul proprio elettorato di riferimento e su interessi militarmente difesi fino a qualche tempo fa, ad esempio Mediaset nel caso del beauty contest (l’assegnazione gratuita di alcune frequenze televisive). Il Pd è premiato nei sondaggi ma guarda con preoccupazione alla trattativa sul mercato del lavoro. I centristi sono schierati con il governo ma non possono ignorare che l’esecutivo può fornire – penso a Passera – il leader di una coalizione moderata che può interrompere i sogni di Casini.

I problemi nei partiti riguardano anche gli assetti interni. Il Pdl vede l’affanno di Alfano nell’affermarsi come leader in presenza della supremazia indiscussa di Berlusconi e di fronte al moltiplicarsi dei protagonismi interni. Bersani sembra più saldo in sella ma deve fare i conti con la corrente montiana, da Enrico Letta a Veltroni, che gli chiede di schierare il partito come guardia armata del premier e con la sinistra interna che teme il conflitto con il sindacato. Anche sul tema delle alleanze i tre partiti mostrano le loro difficoltà. Il Pdl rischia di perdere definitivamente la Lega. Il Pd deve fronteggiare la concorrenza dell’Italia dei Valori e l’assedio di Vendola. Casini sembra voler fare tutto da solo ma prima o poi dovrà dire con chi si vuole alleare. Insomma, si accumulano i problemi senza che alcuno di essi trovi soluzione. Il principale di questi purtroppo non è stato messo in agenda. Il governo Monti ha un orizzonte limitato dal tempo e dagli obiettivi. Il suo compito è quello di risolvere i problemi più urgenti per ridare vitalità all’economia e credibilità internazionale all’Italia ma non può occuparsi di due grandi questioni. La prima riguarda la cosiddetta riforma della politica che non è solo definita dal problema dei suoi costi né dalla legge elettorale ma investe la grande questione delle riforme istituzionali. Il secondo riguarda l’indirizzo che deve prendere la ricostruzione di un’economia sana. Monti sta operando con una buona lena intervenendo sul pacchetto fiscale, su quello previdenziale, sul contrasto di alcune corporazioni, ma non delle maggiori, sul mercato del lavoro. Agisce, per così dire, sui fondamentali di un’economia sana. Non ha però né il tempo né probabilmente il compito di dare un segnale programmatico preciso sul futuro del paese.

Sto parlando di quelle scelte che solitamente contrassegnano i governi politici e che si concretizzano in indirizzi che fanno capire che cosa il Paese vuole e può diventare. Qualunque cosa si pensi del rapporto Stato-mercato ai tempi di oggi, torna in auge la vecchia massima socialdemocratica, riportata in vita da Colin Crouch, «tutto il mercato possibile e tutto lo Stato necessario», a indicare come siamo di fronte a uno di quei passaggi in cui le politiche pubbliche aiutano a definire il volto produttivo del Paese. Nel dopoguerra cardine di questi interventi furono l’industrializzazione e la riforma agraria. Gli americani ebbero il New Deal. Le socialdemocrazie europee agirono sul Welfare per creare le condizioni di una ripresa dell’industria manifatturiera. Insomma, siamo di fronte al passaggio in cui ai partiti spetta darsi una identità in rapporto alla visione che hanno della società e quindi del blocco di forze che vogliono mobilitare. Un tempo questo groviglio di questioni potevano essere affrontate con l’identificazione in modelli politico-culturali precisi: il cattolicesimo politico in Italia e Germania, il socialismo nei Paesi dell’Europa dell’Est. Oggi molte di queste appartenenze sono state messe in discussione. In Italia, ad esempio, il post ’89 ha messo in cantina il comunismo mediterraneo ma anche il cattolicesimo sociale e lo stesso socialismo riformista. Non so se sia stato giusto o sbagliato, ma penso di no, so che bisogna ridefinire le appartenenze e anche le tradizioni in rapporto ad altri paradigmi e soprattutto sulla base di un progetto Italia di cui ciascun partito si deve dotare.

Invece assistiamo a discussioni interminabili sulle procedure, le primarie e le leggi elettorali, che sono sicuramente importanti ma lo sono meno dell’idea che i partiti devono trasmettere al Paese sul compito storico che vogliono svolgere. Il tema di fondo a questo punto è questo e lo riprendo dal movimento delle donne: se non ora quando? Se non ora – cioè ora che il montismo si occupa di liberare il campo da nani e ballerine, da decenni di politica di annunci senza provvedimenti-scossa – quando i partiti si decideranno a passare alla fase in cui la loro costituzione materiale si concretizzerà attorno a un progetto di società chiaro e comprensibile attorno a cui chiedere i voti per governare o fare opposizione? Fin qui il dibattito è stato abbastanza deludente. Così la crisi politica non può che aggravarsi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.