JOSEF MAYR NUSSER – “Dare testimonianza oggi è la nostra unica arma efficace”

Nel “Giorno della Memoria”, data in cui si ricorda l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, vogliamo approfondire la figura di un “disobbediente per scelta”, una testimonianza esemplare di chi ha pagato con la vita la fedeltà alla propria coscienza, contro ogni forma di totalitarismo.
Damiano Zoffoli

Il 4 ottobre del 1944, in una stanza di un manicomio dismesso a Konitz, nella Prussia orientale, un gruppetto di giovani reclute, arruolate nelle SS naziste, stava per essere “educato” all’obbedienza cieca e totale al Führer. Un sottufficiale ripeteva il testo da scandire con forza durante il giuramento: «Giuro a Te, Adolf Hitler, Führer e cancelliere del Reich, fedeltà e coraggio. Prometto solennemente a Te ed ai superiori designati da te l’obbedienza fino alla morte; che Dio mi assista». Improvvisamente il silenzio della stanza venne rotto da una voce chiara e ferma: «Signor maresciallo maggiore, io non posso giurare a questo Führer!». Inevitabile si diffuse fra le reclute un sentimento di inquietudine. Ai compagni che, preoccupati per le gravi conseguenze che un tale atto sicuramente avrebbe avuto, gli chiedono il motivo del suo gesto, Josef risponde: «Se mai nessuno trova il coraggio di dire loro che non è d’accordo con la loro ideologia nazista, allora le cose non cambieranno mai».

«Dare testimonianza oggi è la nostra unica arma efficace» aveva scritto Josef nel 1938, ed ora, a questo, era chiamato. Si fece trovare pronto.

Quel giovane che aveva sfidato il potere più terribile del secolo scorso si chiamava Josef Mayr Nusser. Era un altoatesino, padre di famiglia, impiegato in una ditta commerciale, dirigente dei giovani dell’Azione Cattolica in lingua tedesca di Bolzano e presidente di una conferenza della San Vincenzo. A seguito del suo rifiuto a giurare fedeltà ad Hitler verrà imprigionato ed inviato al campo di concentramento di Dachau. Il tribunale delle SS lo condannerà alla fucilazione per tradimento. Durante il trasferimento verso il campo di Dachau, dove doveva avvenire l’esecuzione, un viaggio effettuato con altri 40 condannati a morte, rinchiusi in un vagone, Josef morirà stremato dalla fame e dal freddo nella stazione di Erlangen, il 24 febbraio 1945, a pochi mesi dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Così scriveva Josef Mayr Nusser nell’ottobre del 1944: «Giurare è un verbo insopportabile. Giurare a chi? E a che cosa? Per quali motivi? Giurare a un uomo, a un dittatore, a un Führer? Quanti giuramenti si sono consumati nel caotico incedere degli eserciti! Giurare in nome di Dio. Giurare per abbandonare se stessi; sacrificarsi per alimentare il fuoco della persecuzione verso altri uomini, altre donne, altri esseri. Giurare per costrizione. Giurare per odiare, per conquistare, per sottomettere, per incendiare e impolverare la storia e la creazione. Giurare per insanguinare la terra con il sangue dei figli di quell’unico Dio che si è rivelato nell’amore di Cristo.
Giurare per rinnegare la propria coscienza con i valori e i princìpi depositati e custoditi con coraggio e pazienza. Giurare e piegarsi a un culto demoniaco, il culto dei capi, innalzati a idoli di una religione sterminatrice. (…) Ma può un cristiano pronunciare simili parole? Può egli mettere Dio al servizio del potere, della guerra, della furia distruttiva, della violenza fine a se stessa? Dio, che è al di sopra di ogni legge, di ogni nome, di ogni spazio e di ogni luogo, come può farsi paladino di un dominatore senza scrupoli? Chi mai può manipolare ciò che di più sacro e intangibile appartiene alla fede? Che Dio mi assista… No, maresciallo maggiore, io non giuro a questo Führer!»
.

Secondo il giornalista Paolo Giuntella «è stato il primo obiettore di coscienza cattolico del nostro Paese. Il suo gesto, come quello di Tommaso Moro, che aveva letto e amava, come quello di Franz Jägerstätter, rappresenta il riscatto dalla paura di tanti cristiani, anche buoni, ma rassegnati di fronte al fascismo e al nazismo».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.