La Regione continua la sua opera a fianco dei lavoratori di aziende in difficoltà

Ammortizzatori sociali in deroga ad altri 531 lavoratori della Provincia di Forlì-Cesena

“La Regione Emilia-Romagna continua a stare a fianco delle aziende in difficoltà e dei lavoratori. Lo dimostra il nuovo ingente stanziamento di risorse, pari ad oltre 10 milioni e 195mila euro, per gli ammortizzatori sociali in deroga, dei quali beneficeranno in totale 552 aziende sul territorio regionale e, in particolare, 531 lavoratori assunti in imprese della nostra Provincia. – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Si tratta di un ulteriore sforzo compiuto dalla Regione, che si va a sommare agli altri strumenti nazionali di sostegno all’occupazione, in un momento in cui la crisi colpisce pesantemente anche il nostro territorio e si registra una significativa emorragia di posti di lavoro, come rilevato anche dai recenti rapporti sull’economia locale”.

A seguito della stipula del “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”, firmato dalla Regione Emilia-Romagna e dalle parti sociali, proseguiranno infatti, per tutto il 2012, gli interventi di ammortizzatori sociali in deroga già realizzati nel corso del triennio 2009/2011.

Con questo accordo, sottoscritto il 20 dicembre 2011, i criteri per l’autorizzazione al ricorso della cassa integrazione guadagni in deroga sono stati attentamente verificati alla luce dei risultati conseguiti e aggiornati per garantire coerenza ed efficienza nell’impiego delle risorse. Sono inoltre stati posti limiti di utilizzo massimo dei trattamenti in deroga, nell’arco dell’intero quadriennio 2009/2012, in caso di utilizzo costante nonché continuativo.

“Con questo nuovo provvedimento, dall’inizio del 2011, la Regione ha messo a disposizione un totale di oltre 324 milioni e 300 mila euro, a favore di 2.824 aziende e 35.277 lavoratori. Nel territorio di Forlì-Cesena ne hanno beneficiato 3.191 lavoratori di 291 aziende, per un totale di 3.244.106 ore di cassa integrazione. Un’azione assolutamente necessaria per stare al fianco degli emiliano-romagnoli, in particolare lavoratori e famiglie, nello sforzo collettivo che tutti assieme dobbiamo fare per fronteggiare un momento di crisi gravissima, troppo a lungo sottovalutato dal precedente esecutivo nazionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.