OSCAR LUIGI SCALFARO – “Non arrendetevi mai”

Si è spento sabato notte, all’età di 93 anni, Oscar Luigi Scalfaro, Presidente emerito della Repubblica.
Eletto nel 1992 alla più alta carica dello Stato, a poche ore dalla strage di Capaci in cui furono uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta, in una fase drammatica per il nostro Paese, dilaniato dagli attacchi della mafia e da Tangentopoli, ha speso l’intera sua vita a servizio della collettività.
È stato uno dei più autorevoli difensori della nostra Costituzione repubblicana, che aveva contribuito a scrivere, dopo essere stato eletto all’Assemblea Costituente nel 1946. Iscritto fin da bambino all’Azione Cattolica, divenne giovanissimo magistrato; è stato un esempio di coerenza e integrità morale, e di amore verso le Istituzioni, che ha sempre difeso.
Riporto, qui di seguito, uno stralcio di una sua riflessione, tratta dal libro intervista “Non arrendetevi mai”, frutto di un incontro informale tra il Presidente Scalfaro e un gruppo di giovani impegnati nell’associazionismo, sulla persona e la comunità, e sul dovere di impegnarsi per il bene comune.
È dannoso stare con le mani in mano. – diceva – Allora non state a guardare e non arrendetevi mai! Lo ripeto in particolare ai giovani: non arrendetevi mai”.
È l’impegno e il compito più bello, e allo stesso tempo molto difficile, che ci lascia.
Damiano Zoffoli

“È dovere della scuola, delle associazioni ma, ancora prima, delle famiglie, educare ai principi fondamentali che regolano e ispirano la nostra vita sociale, la vita di cittadini, la vita della nostra democrazia. Educare, formare a tutto questo è senza alcun dubbio entusiasmante, ma è anche una responsabilità grave e un compito non facile: il primo a dover credere in questi valori è l’educatore stesso, che poi deve avere la capacità di trasmetterli con intelligenza e cuore.

La condizione perché la Repubblica viva una vita non soggetta a improvvisazioni o ad avventure con ricadute pesanti sull’intera società e sui cittadini, risiede nel senso di responsabilità del cittadino, nel suo dovere verso la comunità, verso lo Stato, la Repubblica.

È anzitutto una questione di giustizia tra il cittadino e la sua comunità, dove i diritti chiamano i doveri. Un cittadino degno di questo nome non può, e non deve, disinteressarsi della vita pubblica, di tutto ciò che riguarda la polis. Ogni cittadino è parte di questa polis: è parte viva o è un peso inerte o, peggio ancora, dannoso per la comunità?

È una questione di giustizia, lo dico di nuovo. La comunità è essenziale per la vita di ognuno, senza la comunità il cittadino non sopravvive: i piatti della bilancia, dove si esprimono i rapporti tra il cittadino e lo Stato, però, devono essere in equilibrio. Qual è il contributo che io do a questa comunità che mi fa vivere? Certo, rispetto le leggi, pago le tasse, voto quando mi viene chiesto: tutto questo è indispensabile. Ma basta a tenere in pareggio i piatti della bilancia? Cosa do alla comunità della mia intelligenza, della mia volontà, del mio amore, della mia capacità di sacrificio, cioè della mia vita? Cosa do di me stesso?

È questo, a mio avviso, il tema fondamentale. Tutti siamo parte di una comunità perché nasciamo come esseri sociali e – si spera – anche socievoli: ma quanti cittadini vivono come se tutto questo a loro non interessasse! Prendono e pretendono dalla società tutto quello che serve, e protestano quando i servizi sono carenti, ma poi scelgono di stare alla finestra, di evitare ogni impegno, ogni partecipazione alla vita quotidiana della comunità. Insomma, sono parte della civitas ma vivono come se non ne facessero parte.

È una grave carenza, questa; ed è una carenza di sensibilità umana, di valori umani: è come voler tagliare le proprie radici, chiudendosi nel proprio egoismo, vivendo nella società come un estraneo. E ci accorgiamo di quanta sofferenza questo possa creare quando vediamo la violenza dell’uomo, o della natura, privare le persone di ogni conoscenza delle proprie radici: sono ferite che non sempre si riesce a recuperare, a superare.

Dunque, se questo senso di partecipazione, di appartenenza alla comunità manca, o è assai debole, viene meno anche il senso dell’adempimento dei doveri di cittadino, di persona protagonista della democrazia, e così si affievolisce fortemente, se non si spegne, la doverosa, umana solidarietà.

Queste considerazioni, molto semplici, che talvolta diamo per scontate e invece non lo sono, costituiscono il fondamento della democrazia.

Un componente di una comunità che non è partecipe dei suoi momenti sereni, gioiosi, come di quelli dolorosi e tragici, è come il ramo secco di un albero.

Troppe volte questa non appartenenza si traduce in un vero sentimento di rigetto quando giunge la chiamata ad assumere anche piccole responsabilità comunitarie. La naturale egoistica “legittima difesa” dalle grane, dal pensare agli altri, dal compromettersi, nel suo significato di coinvolgersi, si risolve in un atteggiamento che nega ogni aiuto alla comunità, agli altri. È il no alla polis.

Cos’è la polis se non una convivenza di esseri umani che si aprono l’uno all’altro, un grande incontro e una stupenda sinergia di intelligenze, di capacità di amore e di sacrificio, dove si vive una vita comune naturalmente portata a condividere gioie e dolori con umana solidarietà, che consente di camminare insieme sulla via della giustizia e della pace?

Occorre dunque educare alla generosità, alla disponibilità a portare qualche piccolo peso per gli altri.

Educare, formare a questa partecipazione come un servizio doveroso, pieno di amore e di entusiasmo per gli altri, è rispetto e sviluppo delle potenzialità individuali e necessaria intelaiatura dello stare insieme in uno Stato, che spesso amo definire “comunità” per umanizzarne meglio il senso.”

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.