Dalla crisi ad un nuovo sviluppo sostenibile

Pd cesenate a confronto con l’assessore regionale Giancarlo Muzzarelli sul “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”

"IL PATTO REGIONALE PER LA CRESCITA"Un lungo confronto a viso aperto sull’economia, la crisi, lo stato di salute del nostro territorio. L’incontro di lunedì sera degli iscritti al Pd cesenate con l’assessore regionale alle Attività produttive Giancarlo Muzzarelli si è trasformato in un vivace faccia a faccia protrattosi fino a tarda ora.

Spunto per la discussione è stato il “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” siglato lo scorso 30 novembre tra la Regione e tutte le forze sociali, economiche e istituzionali, emiliane e romagnole. Una condivisione ampia, questa, sottolineata dallo stesso Muzzarelli: “Rispetto al 2004, quando si introdusse l’addizionale Irpef per rafforzare l’assistenza a persone non autosufficienti, questa volta Confindustria ha partecipato subito al tavolo che ha portato alla firma del documento”.

Ma cosa prevede questo nuovo patto? Lo hanno spiegato Lorenzo Gasperoni (responsabile economia Pd Cesenate) e il consigliere regionale Damiano Zoffoli, coordinatore dei lavori: “Già nel titolo – ha detto Gasperoni – si capisce quale sia l’obiettivo del Patto. Non una decrescita economica, come qualcuno teorizza, bensì una crescita del Pil, indispensabile per sostenere economicamente il nostro welfare, da attuare in modo sostenibile e condiviso”.

“La strategia di fondo – ha aggiunto Zoffoli – è quella del programma Europa 2020. Una crescita fondata sulle competenze e le innovazioni, sulla piena occupazione e sulla coesione territoriale. Obiettivi raggiungibili con la lotta al lavoro nero e all’evasione, appalti pubblici trasparenti, contratti di secondo livello e riforme del mercato del lavoro per garantire occupazione ai più giovani, investimenti nel sapere e nelle competenze”.

Proprio il tema dell’occupazione giovanile si conferma uno dei fronti principali nella lotta alla crisi economica: “In regione – continua Zoffoli – abbiamo 148mila giovani disoccupati o “invisibili”, persone che non studiano e non lavorano, pari al 16,5 per cento delle persone tra i 15 e i 35 anni. Per aumentare l’occupazione giovanile la Regione ha previsto incentivi alle aziende che assumeranno con contratto a tempo indeterminato i giovani, premi per le nuove assunzioni o per la trasformazione dei contratti a termine in contratti a tempo indeterminato”.

“Il bando per le nuove imprese – gli ha fatto eco Muzzarelli – ha premiato la nascita di 200 nuovi posti di lavoro alla fine del 2011, un periodo certo non facile. Il bando per le reti d’impresa, invece, mette a disposizione delle aziende 300 ricercatori pagati dalla Regione con un impegno di 12,5 milioni di euro. Altri 520 milioni di euro serviranno ad evitare 40mila licenziamenti nelle piccolissime imprese, quelle escluse dagli ammortizzatori sociali, e rafforzare i consorzi fidi per l’accesso al credito. Aiuti importanti in uno scenario economico che ha visto aumentare la disoccupazione dal 3,3 a oltre il 6 per cento”.

Alcuni interventi dei presenti hanno analizzato elementi chiave dell’economia locale: “Il settore dell’edilizia sta vivendo un momento drammatico – ha commentato l’ex sindaco di Cesena Edoardo Preger – con imprese di medie dimensioni costrette a chiudere i battenti. Ad oggi abbiamo troppe aree edificabili che rimarranno a lungo tali senza domanda da parte del mercato. Per uscire dalla crisi le aziende di costruzione debbono puntare sul social housing, sull’internazionalizzazione e sulla riqualificazione energetica degli edifici. Quest’ultima è alla portata anche delle piccole imprese”.

L’assessore provinciale al lavoro Denis Merloni si è scagliato invece contro i campanili: “Non è andato avanti il discorso, impostato anni fa, di Bologna gateway in grado di portare l’intera regione in Europa. E questo per le forti resistenze dei centri minori. E’ inutile avere tanti capoluoghi di provincia amministrati bene se non si riesce a fare massa critica”.

“Il fatto che questo nuovo Patto fosse stato sottoscritto da tutti – ha ironizzato l’ex presidente della Provincia di Forlì-Cesena Piero Gallina – mi ha subito messo sul chi va là. Invece si tratta di un buon documento. Gran parte dei problemi delle nostre aziende, oggi, sono quelli di ieri, quelli sui quali ha lanciato l’allarme per anni la Camera di Commercio: troppe imprese in settori maturi, basso tasso di innovazione, poche società di capitale, bassa internazionalizzazione”.

Un’analisi alla quale l’assessore regionale si è ricollegato nel suo intervento conclusivo: “Il 70 per cento delle nostre aziende – ha spiegato Muzzarelli – riuscirà a reggere il peso della crisi. C’è un 30 per cento di imprese, però, in grave difficoltà. Si tratta di quelle incapaci di creare innovazione o accedere ai mercati internazionali. Per loro sarà sempre più difficile l’accesso al credito. Tanto più ora, dato che le banche hanno ricevuto fondi dalla Bce ma devono distribuirli con i nuovi criteri di Basilea. Dobbiamo sminare questa situazione prima che esploda. Per farlo, dev’essere l’intero sistema-Paese a muoversi. Qualche giorno fa ho incontrato un funzionario italiano che lavora a Washington. Mi ha detto che in Italia, eccezion fatta un po’ per Unicredit, manca una banca di riferimento internazionale; la dimensione delle imprese è assolutamente insufficiente per investire in paesi ricchi di opportunità, come il Brasile; non si producono beni innovativi. Senza technology transfer e processi in linea con i cambiamenti climatici, mi ha consigliato il funzionario, le nostre aziende devono evitare di presentarsi all’estero”.

Per quanto riguarda la lotta all’illegalità, Muzzarelli ha ricordato le ultime battaglie della Regione: “Stiamo mettendo mano al sistema delle cooperative spurie, con una speciale attenzione a quelle del facchinaggio dove più alto è il tasso di infiltrazione malavitosa”.

Dopo aver accennato alle difficoltà della riqualificazione energetica degli edifici (“In Europa un palazzo ha quasi sempre un proprietario, da noi almeno 20”), Muzzarelli ha concluso il suo intervento con una stoccata al settore fieristico: “Bisogna che le fiere della regione arrivino il prima possibile ad un accordo. Le liberalizzazioni del Governo Monti hanno privato la Regione del potere di autorizzazione in questo campo, in assenza di un accordo, dunque, rischieremo di avere tante piccole fiere che si sbranano a vicenda. Quella che serve è una strategia di attacco che vada oltre i campanili”.

Una ricetta, quest’ultima, valida sia per il mondo fieristico che per quello delle imprese, specie nell’ottica della competizione internazionale.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Dalla crisi ad un nuovo sviluppo sostenibile

  • — Citazione
    “Il settore dell’edilizia sta vivendo un momento drammatico – ha commentato l’ex sindaco di Cesena Edoardo Preger – con imprese di medie dimensioni costrette a chiudere i battenti. Ad oggi abbiamo troppe aree edificabili che rimarranno a lungo tali senza domanda da parte del mercato. Per uscire dalla crisi le aziende di costruzione debbono puntare sul social housing, sull’internazionalizzazione e sulla riqualificazione energetica degli edifici.

    E’ lo stesso Edoardo Preger che presiede la “Società di trasformazione urbana Novello srl”, che ha come scopo la totale cementificazione di un area di 27 ettari alle porte di Cesena, per oltre 700 appartamente, in barba a qualsiasi ipotesi di ristrutturazione dell’esistente ?

    E’ proprio lo stesso Preger che si lamenta che abbiamo troppe aree edificabili “che rimarranno a lungo tali senza domanda” ?

    Ora, io le ho sentite tutte nella vita, ma lasciare un timido spazio al senso del pudore dovrebbe essere sentimento condiviso, per lo meno all’interno del PD.