Via l’IMU dagli immobili agricoli

Presentata una risoluzione che chiede l’esenzione dall’IMU per gli immobili agricoli, un problema molto sentito in Emilia-Romagna

“Negli ultimi anni – affermano i Consiglieri regionali Tiziano Alessandrini (primo firmatario) e Damiano Zoffoli – l’agricoltura emiliano-romagnola ha registrato un calo del 31% delle aziende attive e ha subito gravi crisi di commercializzazione e di mercato. Nella nostra Regione il settore agricolo ha grande rilevanza sociale. Per sostenerlo e favorirlo, ed evitare la scomparsa di numerose realtà produttive, occorrerebbero opportuni provvedimenti in materia fiscale e di sviluppo economico: la Legge n. 214 del 2011, che ha anticipato l’entrata in vigore dell’Imposta Municipale Unica (IMU), rischia tuttavia di penalizzare ulteriormente l’agricoltura italiana”.

Le nuove disposizioni introdotte – sottolineano i Consiglieri – stravolgono il regime fiscale degli immobili agricoli, siano essi terreni o fabbricati, imponendo un aggravio fiscale con evidenti ricadute negative sui costi della produzione e sulla sopravvivenza stessa delle imprese. La necessità prioritaria per il settore è mitigare l’impatto dell’IMU sia per quanto riguarda gli elementi quantitativi, che per le modalità applicative, che rischiano di introdurre elementi di incertezza e disparità ulteriori tra i diversi territori comunali”.

“Con la risoluzione presentata oggi – concludono Alessandrini e Zoffoli – chiediamo alla Giunta di adoperarsi in tutte le sedi più opportune perché gli immobili agricoli siano esentati totalmente dall’IMU e di sollecitare al Governo l’apertura di un tavolo di confronto con le Regioni volto ad individuare, in subordine, criteri alternativi di applicazione dell’IMU, senza pregiudicare la sussistenza del settore agricolo italiano e nella consapevolezza della gravità della finanza nazionale e degli obiettivi del decreto Salva Italia”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Via l’IMU dagli immobili agricoli

  • Mauro

    Se il non far pagare l’IMU agli immobili agricoli è motivato dalla crisi del settore (crisi che non sottovaluto, anzi) allora la cosa andrebbe estesa anche alle attività artigianali, produttive, commerciali e altro ancora oggi in grossissima difficoltà.
    Peccato che il governo e il parlamento abbiano stabilito che nel 2012, 2013 e 2014, nel nostro caso (Comune di Gambettola) il prelievo complessivo dagli immobili dei gambettolesi passerà dagli attuali 1,4 milioni del 2011 ai probabili 3,5 milioni del 2012 con un incremento del 150%. Soldi che non rimarranno nella totale disponibilità del comune, ma una parte (3,8 per mille) di tutti gli edifici diversi dalla prima casa andrà direttamente allo Stato e che i trasferimenti dallo stesso saranno inferiori a quelli attuali. Va da sè che se cominciamo ad esentare categorie il carico fiscale occorrente alla macchina comunale per gestire i servizi (che noi riteniamo non più comprimibili) dovrà essere spostata su altre categorie: prima casa, seconde case, produttivo, ecc.
    è sostenibile tutto ciò? A mio parere no, in questo momento particolare TUTTI dobbiamo dare un contributo, verifichiamo se calibrarlo nello specifico, ma nessuno deve essere escluso. Anche perchè, e chiudo, girando nelle nostre campagne di norma si vedono case coloniche di un certo pregio, ed escluderle non mi sembra la cosa migliore.
    Saluti, mauro

    • Caro Mauro,
      si tratta di un’iniziativa del Pd nazionale che, anche di concerto con l’Assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, che ci ha lavorato in Conferenza delle Regioni, la quale ha approvato un odg ad hoc (http://www.regioni.it/home_art.php?id=254), abbiamo rilanciato, per riaprire una discussione sull’IMU in agricoltura, per evitare che i pochi giovani rimastigettino la spugna.
      Le tue valutazioni sono condivisibili: tutti devono fare la loro parte e i Comuni non possono essere penalizzati ulteriormente, ma non è facile far quadrare il cerchio dopo anni di bengodi.
      Un caro saluto, buon lavoro e a presto,
      Damiano

  • leonessi fausto

    Credo che questa iniziativa vada intrapresa e spero porti ad una riduzione anche parziale della nuova imposta. Infatti le aziende agricole comportano grandi investimenti in beni immobili, ma danno scarsa redditività. Anche se non è ancora stata fatta chiarezza sembra che la nuova imposta colpirà tutti i fabbricati agricoli e i terreni: la somma da versare sarà troppo alta, in percentuale sul reddito che questi beni producono. Redditività che decresce mano a mano che si sale verso la montagna. Non bisogna dimenticare che questi beni sono strumentali e necessari alla produzione. Gli agricoltori dovrebbero avere una tassazione molto piu bassa rispetto a coloro che hanno acquistato terreni e fabbricati come forma di investimento, o per coronare il sogno di possedere la villa in campagna. Non dimentichiamoci poi che l’agricoltura vive la crisi da sempre, l’indebitamento aumenta anche in questo settore. Vogliamo che le aziende passino nelle mani delle banche come sta già avvenendo in alcune Regioni? Possiamo permetterci di perdere il tessuto di piccole aziende agricole che hanno da sempre costituito le fondamenta dalle quali ripartire ogni volta? Credo che questa nuova tassa sia una mazzata per le aziende agricole e credo non convenga a nessuno uccidere l’agricoltura in Emilia-Romagna.

    • Caro Fausto,
      per completezza di informazione, riporto, qui di seguito, un comunicato della Giunta regionale, sull’attività dell’Assessore Rabboni, che va proprio nella direzione da te auspicata.
      Un caro saluto e buon lavoro
      Damiano Zoffoli

      02/02/2012 Rabboni su IMU e fabbricati rurali

      Bologna – Esentare dal pagamento dell’IMU i fabbricati rurali a uso strumentale, o valutare quantomeno la possibilità di una consistente riduzione degli oneri attualmente previsti. Rivedere il meccanismo di calcolo relativo ai terreni condotti dagli agricoltori e aprire immediatamente un tavolo di confronto Governo-Regioni per individuare criteri alternativi di applicazione dell’IMU, in modo da consentire la salvaguardia degli obiettivi del decreto “Salva Italia”, senza pregiudicare la sussistenza del settore agricolo italiano. Sono questi, in sintesi, i contenuti dell’ordine del giorno votato e approvato oggi a Roma dai presidenti della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. “I presidenti di Regione hanno assunto una posizione importante e impegnativa. Ora ci attendiamo che il Governo apra una seria riflessione sui fabbricati rurali strumentali all’attività degli agricoltori – è il commento dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Tiberio Rabboni – . Un primo segnale di disponibilità, in questa direzione, è arrivato proprio in questi giorni dal sottosegretario all’economia Vieri Ceriani. A questo punto devono muoversi i vertici del Governo e dell’economia”. La richiesta di escludere dal pagamento dell’imposta i fabbricati rurali a uso strumentale o, almeno, ridurla “è motivata dal fatto che questi sono a tutti gli effetti strumenti di lavoro – sottolinea l’assessore – e non possono, come tali, essere considerati alla stregua di pura e semplice ricchezza accumulata. Peraltro – conclude Rabboni – l’agricoltura da sempre soffre di un alto impiego di capitali che come risulta da tutte le statistiche nazionali ed europee hanno in Italia una redditività prossima allo zero, e l’applicazione dell’IMU sembra ignorarlo completamente”.

      (http://salastampa.regione.emilia-romagna.it/comunicato.jsp?codComunicato=36552)