ISEE: anche il Comune di Bologna lo ricalcola

(ANSA) – BOLOGNA, 1 FEB – La Giunta comunale di Bologna approva nuovi criteri di calcolo dell’ISEE evitando così i genitori ‘furbetti’ dei nidi che si fingevano separati per pagare di meno la retta – e a quattro Consiglieri regionali del Partito Democratico di area cattolica la decisione piace, parecchio. Tanto che si sentono quasi ‘scavalcati’: da tempo vorrebbero una Regione con più coraggio nel rivedere un redditometro che – sostengono in molti – finisce per penalizzare le famiglie, quelle fondate sul matrimonio.

Questo non lo chiedono solo Damiano Zoffoli, Marco Barbieri, Beppe Pagani e Gabriele Ferrari che vorrebbero dare un’accelerata alle scelte del proprio Partito, ma dall’opposizione in Regione ‘spingono’ da tempo anche Udc e Pdl.

Dei ‘furbetti’ dei nidi si erano accorti molti Sindaci di piccoli Comuni, dove è più facile conoscere le reali condizioni familiari di un bambino.

Ma la partita ISEE non tocca solo i servizi per l’infanzia, dove la Giunta comunale di Bologna ha deciso di sommare i redditi di entrambi i genitori anche se vivono in abitazioni separate (e ha in cantiere l’inserimento del patrimonio immobiliare nel calcolo): in Regione la partita si allarga anche ai ticket sanitari e i quattro Consiglieri Pd vorrebbero spingere anche su questo acceleratore, visto che ai ticket l’ISEE non si applica proprio, neanche così com’è, figuriamoci com’è contento chi invece vorrebbe ricalcolarlo in maniera più equa per le coppie sposate. (ANSA).  01-02-12  14:09:18

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to ISEE: anche il Comune di Bologna lo ricalcola

  • enzo morgagni

    Completamente d’accordo, ma mi chiedo perchè solo quattro consiglieri “cattolici” del PD sostengano pubblicamente e con convinzione la cosa.
    E gli altri?
    Non è una evidente e chiara misura di giusta redistribuzione sociale?!

  • Fringui

    Damiano, su questo tema bisogna cambiare forma di comunicazione. Se tutte le volte precisate che siete di ‘estrazione cattolica’ è come voler dire che la valorizzazione del matrimonio è legata al fatto di essere credenti. E sappiamo bene che non è così: è importante per tutta la società, riconosciuto dalla Costituzione.

    Dato che su questa tematica c’è convergenza di consensi anche dai partiti di opposizione, perchè voi quattro consiglieri ‘illuminati’ non presentate un Odg in merito?

    • cara Fringui,
      hai perfettamente ragione.
      ci tengo a precisare, però, che questo argomento dei “cattolici” viene regolarmente messo in campo dai giornalisti, ogniqualvolta si affronta questo tema. sono le agenzie che, puntualmente, lo utilizzano; non siamo noi a scriverlo!
      perchè questo è, a mio avviso, un tema laico per eccellenza; del resto, come anche tu scrivi, è proprio la nostra Costituzione che, all’articolo 29, recita “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”.
      come forse avrai visto, sempre in materia di riconoscimento della funzione sociale della famiglia, nei giorni scorsi abbiamo presentato un’interrogazione (la trovi qui: http://www.damianozoffoli.com/2012/01/19/riforma-isee-riconoscere-la-funzione-sociale-della-famiglia/) alla Giunta regionale per sapere, rispetto alla complessiva revisione della normativa sulla compartecipazione alla spesa socio-sanitaria prevista dalla manovra Monti, come la Regione Emilia-Romagna intenda partecipare, e con quali indirizzi, all’elaborazione di politiche e strumenti più equi, che finalmente mettano al centro la famiglia.
      anche alla luce della risposta, valuteremo come procedere, in questa che riteniamo essere “una battaglia di buon senso”, null’altro.
      cercando punti di convergenza, anche aldilà delle appartenenze partitiche, e, soprattutto, sfrondando il dibattito dagli elementi ideologici, che certamente non aiutano il raggiungimento del risultato.
      ci aggiorniamo.
      buona giornata,
      Damiano

  • Stefano Coccolini

    Caro Zoffoli,

    il problema, come sempre, non sono nei fatti i quattro furbi, che si difendono da un fisco locale esoso, ma la massa delle famiglie regolari, che vengono massacrate da un fisco locale esoso, mentre non lo sono quelli che scansano ed hanno scansato gli oneri del matrimonio (i liberi conviventi per scelta).
    Certo il suo PD una soluzione l’aveva già trovata con la Bindi (=Balduzzi: diamogli i diritti del matrimonio, ma non gli oneri).
    Un’altra perla della legislazione di Monti e company (quindi anche di Lei e degli altri tre suoi colleghi, x appartenenza): la casa data da genitori in comodato d’uso ai figli viene colpita con l’aliquota massima di quella porcheria istituzionalizzata che è l’IMU.
    Infatti la Famiglia, ex articolo 29 della Costituzione, risolve attraverso la sussidiarietà orizzontale uno dei problemi più grossi (quello della casa per figli e nipoti), bene la politica politicante non solo la tassa per questo suo bene operare e risolvere, ma anche con l’ aliquota più alta.
    A questo punto una domanda: ci fate o ci siete ?
    Certo con tasse come queste si garantiscono gli stipendi ai propri apparati di voto negli enti locali, già iperespansi nelle dimensioni.
    Si può dire?

    Complimenti sempre