Treni InterCity bloccati per ore nel gelo: “Trenitalia incapace di gestire la situazione, venga a riferire in Commissione regionale e cambi la sua politica aziendale”

Chiederemo a Trenitalia di venire a riferire in Commissione Territorio Ambiente Mobilità in merito ai disservizi del trasporto ferroviario e ai disagi subiti dagli utenti”. È quanto scrivono Damiano Zoffoli e Thomas Casadei, Consiglieri regionali dell’Emilia-Romagna, anche a seguito dell’episodio di ieri: un treno InterCity, partito da Bologna verso le 14:40 e diretto a Taranto, è rimasto bloccato nei pressi dello scalo merci di Villa Selva in mezzo alla neve fino alle 21 di sera, vale a dire per sette ore, per un guasto al locomotore. A bordo c’erano circa mille persone (anche due scolaresche): il treno era stipato in quanto era uno dei pochi riusciti a partire dalla stazione di Bologna. Questo, chiaramente, ha comportato grandi ritardi anche su tutti gli atri collegamenti regionali che viaggiavano nella stessa tratta, fino a tarda notte.

Ci pare – spiegano Zoffoli e Casadei – che, nonostante la situazione fosse stata ampiamente preannunciata, Trenitalia non sia stata assolutamente capace di gestire l’emergenza maltempo. Quello di ieri è l’episodio più eclatante, ma abbiamo avuto notizia che altri due convogli ES, sempre diretti verso sud, sono rimasti bloccati nel cuore della notte, con il riscaldamento e la luce che andavano a intermittenza. Che il traffico ferroviario venga bloccato dal gelo è un fatto incredibile e inammissibile. È necessaria un’urgente e decisiva azione della Regione nei confronti di Trenitalia. Anche perché i disservizi di questi giorni non sono dovuti soltanto al ghiaccio sui binari, ma anche ad una serie di rotture del materiale rotabile che testimonia la vetustà del parco treni utilizzato, oltre alla straordinaria carenza di personale dedicato”.

“Il trasporto pubblico locale – concludono i due Consiglieri romagnoli – è un servizio indispensabile, che coniuga diversi importanti vantaggi: un minor inquinamento ambientale, un minor congestionamento delle strade, una mobilità più sostenibile; insomma, un miglioramento della qualità della nostra vita; in caso di maltempo è una delle poche forme di trasporto che in qualche modo deve proseguire. È ora di mettere fine a questo stato di cose. Evidentemente multe e sanzioni non bastano più. I cittadini emiliano-romagnoli, anche attraverso gli impegni finanziari della Regione (parliamo di oltre 117 milioni di euro all’anno per il contratto di servizio con CTI), pagano un servizio che vorremmo potesse ancora essere definito tale. Continueremo con forza a chiedere ulteriori sforzi a tutela dei cittadini-pendolari, bistrattati dalle scelte di Trenitalia, e lavoreremo perché cessi, quanto prima, una politica aziendale che spinge al ribasso tutti i servizi. Non si può più andare avanti così: è tempo che Trenitalita riveda il suo piano aziendale, in caso contrario riteniamo che la Regione Emilia-Romagna debba assumere provvedimenti immediati per far cessare una situazione sempre più insostenibile”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Treni InterCity bloccati per ore nel gelo: “Trenitalia incapace di gestire la situazione, venga a riferire in Commissione regionale e cambi la sua politica aziendale”

  • Fringui

    Bravissimi! Niente pietà per l’inefficienza di Trenitalia!

  • Mara Zambelli

    Trenitalia in questi giorni ha davvero offerto un servizio pessimo e inadeguato a tutti i malcapitati che dovevano viaggiare in treno…
    sia a chi è rimasto bloccato per ore nelle carrozze gelide senza nessun tipo di soccorso alternativo in Emilia-Romagna a Villa Selva (in un tratto fra Forlì e Cesena, che conosco bene in quanto quasi quotidianamente i treni regionali che frequento si fermano lì senza alcun preavviso, a volte anche per 20-30 minuti, per dare la precedenza a treni intercity o eurostar in ritardo…),
    sia a chi, come me e credo tanti altri, in più di un’occasione non è riuscito in questi giorni neppure a partire dalla stazione di Bologna per raggiungere Forlì e Cesena.
    Vorrei farvi conoscere la mia personale esperienza relativa alla mattina di mercoledì 8 febbraio, giornata in cui non c’erano particolari avversità climatiche, quando dopo aver visto che erano stati cancellati 3 treni consecutivi diretti in Romagna, non sapendo come raggiungere il posto di lavoro, mi sono rivolta al numero verde di riferimento di Trenitalia per conoscere l’orario di partenza del primo treno utile.
    Dopo 30 minuti circa di attesa telefonica ho parlato con un’operatrice che, prima che cadesse la linea telefonica, non ha saputo indicarmi un treno con il quale poter partire.
    Al secondo tentativo di chiamata al numero verde di Trenitalia, risponde un operatore che non solo non è stato in grado di indicarmi un treno con cui potermi mettere in viaggio (in una giornata non certo di avversità climatiche) ma canticchiando ha pure riattaccato la cornetta del telefono, interrompendo volutamente la comunicazione.
    Questo è il disservizio che Trenitalia offre a chi viaggia tutti i giorni dell’anno, più volte al giorno, sui treni nella nostra regione.
    Ed è il caso di dire: “oltre il danno, la beffa”.
    In quanto pendolari, essendo titolari di abbonamento, e non possessori di biglietto, non godiamo del diritto ad essere risarciti dei danni che quotidianamente subiamo sui treni regionali (frequentemente in ritardo quando non soppressi, in carrozze per lo più scassate, numericamente e igienicamente inadeguate).
    Da ormai dieci giorni consecutivi, siamo inoltre costretti a subire la soppressione di numerosi treni nella tratta ferroviaria Bologna-Cesena, tratta in cui in determinati orari diurni si riscontra la totale impossibilità di viaggiare…
    francamente tutto ciò non mi sembra degno di una regione come la nostra, che viene considerata avanzata nei servizi pubblici offerti, e tantomeno di un Paese civile.

  • Cecilia

    Trenitalia attua una politica di prepensionamenti del personale addetto al controllo rotaie già da anni (forse per poter appaltare il servizio). Le scelte strategiche vanno tutte a detrimento dei pendolari – alludo alla decisione di incrementare i frecciarossa a discapito degli intercity – insomma provare a chiedere una variazione del progetto industriale?