Emergenza maltempo, la Regione in campo: stanziati 2 milioni di euro per gli interventi d’urgenza

Il Presidente Errani ha dichiarato lo stato di emergenza e ha chiesto al Governo una proroga per i versamenti delle imprese

Dichiarazione dello stato d’emergenza sul territorio regionale, 2 milioni per gli interventi d’urgenza, ricorso ai mezzi dell’Esercito, un accordo tra la Regione e l’Ufficio Scolastico Regionale affinché la chiusura delle scuole non incida sulla validità dell’anno scolastico, proroga per i versamenti delle imprese. Sono alcune delle iniziative prese dalla Regione, a seguito dell’imprevedibile ondata di neve e gelo, che ha colpito il territorio emiliano-romagnolo.

D’intesa con le Istituzioni locali interessate, la Regione ha stanziato complessivamente 2 milioni di euro destinati ad interventi immediati e al soccorso urgente per rimuovere le maggiori criticità. Lo stanziamento è reso possibile dalla Legge 1 del 2005, per l’attivazione di interventi urgenti di Protezione Civile.

La Regione, in accordo con il Ministero degli Interni, ha poi ottenuto l’invio di mezzi speciali dell’Esercito, che sono utilizzati, proprio in queste ore, dai Centri di Coordinamento e Soccorso attivati dalle Prefetture, per fronteggiare l’emergenza nelle frazioni e nei centri isolati, e sono finalizzati al soccorso urgente, sia sanitario che assistenziale, e al ripristino delle infrastrutture pubbliche primarie.

Gli strumenti tecnici e finanziari adottati con i provvedimenti di Protezione Civile vengono esclusivamente finalizzati alla salvaguardia della pubblica incolumità e all’assistenza della popolazione, in stretto raccordo con le Istituzioni locali.

Infine, ieri, a seguito del permanere delle condizioni di grave difficoltà causate dalle eccezionali nevicate, e delle previsioni per i prossimi giorni, il Presidente della Regione Vasco Errani, ha chiesto un intervento del Governo perché venga accordato lo slittamento di un mese per le comunicazioni, e i relativi pagamenti, presso l’Agenzia delle Entrate, l’Inps e l’Inail da parte delle imprese dell’Emilia-Romagna.

La richiesta, avanzata tramite lettera indirizzata al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è in linea con quanto chiesto dalle Organizzazioni imprenditoriali.

In particolare, si legge nella lettera, dai contatti con le Associazioni imprenditoriali “emergono significative difficoltà anche nello svolgimento dell’attività quotidiana delle migliaia di imprese del nostro territorio”, che a causa della situazione di disagio “chiedono di sostenere la richiesta di proroga dei termini per la presentazione delle dichiarazioni e dei versamenti previsti per il prossimo 16 febbraio, a seguito dei ritardi cumulati nelle elaborazioni dei dati e delle relative comunicazioni”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.