DON FRANCESCO BONIFACIO, il martire delle Foibe

“Bello, desiderabile è morire sul campo di battaglia, nell’adempimento del proprio dovere, con il cuore distaccato dal mondo. Oltre che portare il Crocifisso con noi portiamolo anche nella nostra vita quotidiana nella mortificazione e nell’accettare qualsiasi croce senza lamento”.

Sono alcune delle parole che don Francesco Bonifacio, ucciso nel 1946 dall’armata popolare di liberazione della Jugoslavia, rivolgeva ai giovani durante un corso di esercizi spirituali.

Il sacerdote istriano era responsabile della curazia di Villa Gardossi, che raccoglieva diverse frazioni sparse nella zona di Buie. Qui si fece subito amare, promuovendo numerose attività, visitando le famiglie, gli ammalati, e donando quel poco che aveva ai poveri. Il suo impegno lo rese un prete troppo scomodo per la propaganda antireligiosa della Jugoslavia di allora, ma nonostante le intimidazioni proseguì fino alla fine per la sua strada.

È la sera dell’11 settembre 1946 e don Francesco Bonifacio sta rincasando da Grisignana. A un certo punto viene fermato da due uomini della guardia popolare. Chi li vide raccontò che sparirono insieme nel bosco.

Il fratello, che andò immediatamente a cercarlo, venne incarcerato con l’accusa di raccontare delle falsità. Per anni la vicenda è rimasta sconosciuta, finché un regista teatrale è riuscito a contattare una delle guardie popolari che avevano preso don Bonifacio.

Quest’ultimo raccontò che il sacerdote era stato caricato su un’auto, picchiato, spogliato, colpito con un sasso sul viso e finito con due coltellate prima di essere gettato in una foiba. Da allora, i suoi resti non sono stati mai più ritrovati.

C’è una bella annotazione fatta da Pavel A. Florenskij, il grande matematico, filosofo e sacerdote russo morto in uno dei tanti gulag, che in un suo quaderno degli anni Venti, scrive: Non tradire mai le tue più profonde convinzioni interiori per nessuna ragione al mondo. Ricorda che ogni compromesso porta a un nuovo compromesso, e così all’infinito. Non rinnegare per nessun motivo la Verità, ma resta sempre fedele ad essa!”.

Don Francesco Bonifacio ha testimoniato fino alla morte la sua fede, senza scendere a compromessi di nessun genere, rimanendo sempre fedele alle sue più profonde convinzioni interiori.

Il sacerdote sosteneva che chi non ha il coraggio di morire per la propria fede è indegno di professarla; frase che ha incarnato attraverso la propria testimonianza viva.

Il 4 ottobre 2008, presso la cattedrale San Giusto di Trieste, don Francesco Bonifacio è stato proclamato Beato.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.