In arrivo i contributi regionali per rimuovere l’amianto dalle aziende

Quasi 900mila euro per la rimozione dell’amianto dai luoghi di lavoro e l’installazione di impianti fotovoltaici a favore di 17 piccole medie imprese della Provincia di Forlì-Cesena

Si è concluso l’iter relativo al bando dell’Asse 3 del POR FESR 2007/2013, con il quale la Regione Emilia-Romagna ha inteso promuovere la competitività energetica e la riqualificazione energetico-ambientale del sistema produttivo, attraverso l’erogazione di ecoincentivi alle imprese che hanno presentato progetti innovativi finalizzati alla rimozione di coperture o coibentazioni contenenti cemento-amianto, migliorando così l’ambiente di lavoro e tutelando la salute e la sicurezza dei lavoratori.

258 le domande presentate, 214 quelle ritenute ammissibili, di cui 17 in Provincia di Forlì-Cesena, che riceveranno finanziamenti per un totale di 876.944,04 euro, mettendo in moto investimenti per oltre 4,8 milioni di euro.

Lo rende noto Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione “Territorio Ambiente Mobilità, proprio nei giorni in cui l’amianto torna di “dolorosa” attualità, alla luce della sentenza del processo Eternit, che vede i proprietari dell’omonima azienda condannati per disastro doloso permanente, e in cui la Regione Emilia-Romagna, sin dalla prima fase istruttoria, si è costituita parte civile.

Complessivamente la Regione ha messo a disposizione 13.084.363,90 euro. Si tratta di un contributo significativo, per risolvere un problema piuttosto diffuso, che risponde ad una precisa richiesta degli imprenditori e delle aziende, per rilanciare una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. – dichiara Damiano Zoffoli – Insieme all’eliminazione dell’amianto, infatti, il bando prevedeva l’installazione di pannelli fotovoltaici, per favorire il risparmio e l’autoproduzione di energia, e la riduzione di emissioni di gas serra. I finanziamenti in arrivo consentiranno di ammodernare le piccole imprese del territorio della nostra Provincia, in un’ottica che tiene conto della necessità di investire sempre più risorse nelle fonti rinnovabili e in una prospettiva di lungo corso che dovrà puntare all’autosufficienza energetica”.

La procedura di liquidazione dei contributi relativi agli interventi di installazione e messa in esercizio di impianti fotovoltaici verrà effettuata solo in seguito all’avvenuta trasmissione del contratto sottoscritto con il GSE, dal quale si possa dedurre in modo evidente che gli impianti realizzati sono solo quelli del tipo “integrati con caratteristiche innovative” e “a concentrazione”, come previsto dal testo del bando. Col Piano Energetico Regionale, l’Emilia-Romagna ha, infatti, dato un segnale chiaro sull’ubicazione degli impianti, che devono essere preferibilmente posizionati sui tetti, per contenere il più possibile il consumo di territorio.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to In arrivo i contributi regionali per rimuovere l’amianto dalle aziende

  • Giancarlo Biasini

    Caro Damiano, non ci sono solo le imprese, ma anche 2400 scuole in tutta Italia che necessitano della rimozione dell’amianto. Quante ce ne sono in ER? Giancarlo Biasini

    • Caro Giancarlo,
      hai perfettamente ragione.
      Questa è solo una delle azioni messe in campo (importante, a mio avviso, perché incentiva gli imprenditori ad intervenire) dalla Regione per arginare questo problema che, come ben sappiamo, ha ricadute ben gravi sulla salute delle persone.
      Per quanto riguarda, invece, gli edifici pubblici (o quelli privati aperti al pubblico), e quindi anche le scuole, qui (http://www.arpa.emr.it/cms3/documenti/_cerca_doc/amianto/mappatura_amianto.pdf) trovi la mappatura di dettaglio, aggiornata a fine dicembre 2011.
      Viene aggiornata periodicamente dalla Regione, sulla base dei piani di controllo attuati dalle Aziende USL.
      L’attività di bonifica per rimozione completa del materiale contenente amianto, al 23 dicembre 2011, ha riguardato 622 siti, su un totale di 1198 inizialmente mappati.
      Ti segnalo (http://www.damianozoffoli.com/wp-content/uploads/2012/02/DZ__risoluzione_amianto.pdf) anche una risoluzione che, due giorni fa, abbiamo presentato in Consiglio regionale per impegnare la Giunta a mantenere alta l’attenzione, di vigilanza e controllo, in tutte le attività che comportano l’utilizzo e lo smaltimento di materiali contenenti fibre di amianto.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli