Matteo Richetti a Cesena per parlare di buona politica

Stasera, venerdì 17 febbraio, Matteo Richetti, Presidente dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna, sarà a Cesena per un “faccia a faccia” su tanti temi di strettissima attualità.

L’incontro, che si svolgerà alle ore 20:45 presso la sala E. Cacciaguerra della Banca di Cesena (Viale Bovio 72), è organizzato all’interno del ciclo di iniziative “La Buona Politica: al centro la persona e la comunità”.

Matteo Richetti, 37 anni, modenese, giornalista pubblicista, è al suo secondo mandato in Regione. Lo abbiamo visto sul palco del “Big Bang”, a Firenze, a fianco del sindaco Matteo Renzi. Nel 2011 ha ricevuto il premio “Forbici d’oro”, come riconoscimento del suo lavoro per le politiche di rigore messe in atto dall’Assemblea Legislativa: il Parlamentino emiliano-romagnolo è stato, infatti, il primo ad abolire i vitalizi ai Consiglieri regionali, oltre ad aver ridotto le indennità e ad aver previsto, nel bilancio di previsione 2012, un ulteriore taglio di 1 milione e 100 mila euro.

Richetti, che ha anche rinunciato all’uso dell’auto blu, si è poi fatto promotore di una proposta, ripresa più volte dai giornalisti Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo sulle pagine del Corriere della Sera, che prevede un costo standard per la democrazia, equiparando il costo della politica, in Italia, a quello dell’Emilia-Romagna, cioè la Regione italiana dove l’Assemblea Legislativa costa di meno: otto euro ad abitante.

Oggi, la vera priorità della politica, è il lavoro. Bisogna concentrare il sostegno pubblico alle imprese a quelle aziende che non producono solo profitto finanziario, ma generano buona e vera occupazione. – così Matteo Richetti ha commentato, nei giorni scorsi, i nuovi dati record, in negativo, sulla disoccupazione in Italia, arrivata all’8,9 per cento, col 31 per cento di giovani senza impiego – Il tutto accompagnato da una riforma del mercato del lavoro che persegua l’interesse generale e la creazione di occupazione, soprattutto giovanile”.

Futuro dei giovani e nuove prospettive di lavoro, riforma del welfare e degli ammortizzatori sociali, semplificazione dei livelli di governo, finanziamento dei partiti, nuovo protagonismo dei cattolici – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra gli organizzatori della serata –  sono alcune delle sfide che dobbiamo affrontare, superando vecchie logiche e barriere. In questa fase di incertezza e transizione, quella di venerdì sera è un’occasione per recuperare momenti di incontro e confronto diretto con i propri rappresentanti nelle Istituzioni, per mettere in comune idee e progetti, e ricostruire fiducia e speranza, a partire dall’impegno nella propria città”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.