Linea ferroviaria Faentina, una tratta strategica tra Firenze e la Romagna

La stazioneDamiano Zoffoli, Presidente della Commissione Trasporti della Regione Emilia-Romagna, parteciperà domani all’iniziativa “FUORI DAL TUNNEL – Faentina, il futuro viaggia tra Toscana e Romagna” organizzata a Marradi dal Partito Democratico, per confrontarsi sul futuro della linea ferroviaria faentina, una infrastruttura strategica che unisce e mette in collegamento Firenze e Ravenna, le due città di Dante Alighieri.

La linea, lunga 67 km tra Faenza e Borgo San Lorenzo, più altri 35 fino a Firenze, non è elettrificata, ha un binario unico e una particolare conformazione altimetrica e planimetrica.

“In base ad una ripartizione stabilita a livello nazionale (in attuazione di quanto previsto dal D.Lgs. 422/97, riguardo al trasferimento delle competenze alle Regioni dei servizi ferroviari di attribuzione regionale) – spiega Damiano Zoffoli – i servizi vennero inizialmente assegnati, nella loro totalità, al Contratto di Servizio della Regione Toscana. Nel 2007, a fronte di un accordo con la Toscana, la nostra Regione ha messo a disposizione treni propri (2 coppie di corse) per incrementare l’offerta dei servizi sulla tratta Faenza – Borgo San Lorenzo. Sulla linea circolano oggi, in totale, 24 treni, di cui 20 della Regione Toscana e 4 della Regione Emilia-Romagna, alcuni dei quali arrivano fino a Ravenna”.

“Anche su questa linea – dichiara il Presidente Zoffoli, che proprio ieri ha convocato Trenitalia in Commissione, a riferire sul caos ferroviario verificatosi durante l’emergenza neve – sono frequenti, da parte dei pendolari, le segnalazioni di disagi, come ritardi sugli orari, guasti, carrozze affollate e fredde, mancanza di informazioni. Sull’importanza e la potenzialità della Faentina, e sulla necessità di superare le criticità ed i disservizi che da tempo gli utenti e i Sindaci dei territori interessati denunciano, c’è la piena disponibilità della Regione Emilia-Romagna a sviluppare tutte le azioni possibili, di concerto con la Regione Toscana, per migliorare il servizio, lavorando in primis per il mantenimento della relazione intera, tra Faenza e Firenze, senza rottura di carico. La nostra Regione si è anche attivata nei confronti di RFI per chiedere un miglioramento dei tempi di attesa, oggi troppo lunghi, ai passaggi a livello”.

La linea è attualmente utilizzata, sul lato Emilia-Romagna, da circa 1.000 passeggeri (nel 2007 erano circa la metà) al giorno ed è molto frequentata, per motivi turistici, anche nei giorni festivi e soprattutto durante i mesi estivi; ultimamente è poi utilizzata da parecchi viaggiatori che, per risparmiare, se ne servono in alternativa all’Alta Velocità per raggiungere la stazione centrale di Firenze, e poi proseguire sui treni FrecciaRossa, in direzione del sud Italia.

“Un altro discorso riguarda poi lo sviluppo turistico di questa linea. Il turismo “lento”, soprattutto quello del nord Europa, ben conosce la Faentina, che è descritta in guide ed itinerari e offerta nei pacchetti, predisposti dai tour operator stranieri, per la scoperta “slow” dell’Italia. Purtroppo, fino ad ora, Trenitalia è stata sorda e cieca rispetto a questo fenomeno, che pure è in crescita. È quindi necessaria un’alleanza territoriale, tra Amministratori toscani ed emiliano-romagnoli decisi a lavorare insieme per sostenere il rilancio dell’attenzione e dell’impegno su questa tratta ferroviaria, coinvolgendo i pendolari, le realtà produttive, gli operatori turistici, e tutti i soggetti interessati che possano dare un contributo ad un “progetto turistico organico” per la sua promozione, con effetti sulla cultura e sull’economia di questi territori. Da parte nostra – conclude il Presidente Zoffoli – c’è la volontà a farlo”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.