I distretti tecnologici di Cesena finanziati con 1,6 milioni di euro

Dal bando regionale in arrivo 800mila euro per il distretto alimentare e altri 800mila per tecnologie di rete e servizi energetici

Un sostegno alla ricerca e un aiuto al sistema economico locale nel delicato passaggio dalla produzione pura e semplice all’innovazione e alla ricerca. Dai distretti produttivi a quelli tecnologici, dunque. L’esito dell’ultimo bando della Regione, con finanziamenti complessivi per 10,2 milioni di euro, vede i progetti cesenati finanziati con 1,6 milioni di euro, a copertura di tutte le spese previste.

Si tratta di un programma relativo al settore alimentare (dalla carne al caseario fino all’ortofrutta e al vitivinicolo) ed uno sulle tecnologie di rete ed i servizi energetici. Entrambi sono stati presentati da Centuria-Rit, la società consortile pubblico-privata (i suoi soci comprendono le principali amministrazioni pubbliche della Romagna, oltre a grandi aziende, banche e associazioni di categoria) impegnata da quasi vent’anni a favorire l’innovazione tecnologica sul territorio.

“In uno scenario economico recessivo – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – a molte imprese potrà sembrare fuori luogo parlare di ricerca e innovazione tecnologica, impegnate come sono a far quadrare i conti e strette da istituti di credito sempre più restii a concedere finanziamenti. Eppure la ricerca e l’innovazione sono vie obbligate per elevare la qualità dei prodotti e presentarsi più forti sul mercato”.

Il progetto del distretto alimentare mira a intercettare le nuove tendenze di consumo, con particolare attenzione all’aspetto nutrizionale, etico, di impatto ambientale e di sicurezza della produzione. Saranno messe in campo anche azioni mirate a sostenere il reddito dei produttori, rispetto al peso della distribuzione, una componente della filiera che incide notevolmente sui margini degli stessi. L’obiettivo è quello di stimolare la competitività del distretto agendo su leve organizzative e tecnologiche.

Il secondo progetto, sulle “Tecnologie per le reti e i servizi energetici”, mira invece a potenziare lo sviluppo tecnologico delle filiere energetiche, con scadenze di medio periodo, facendo fare rete alle imprese esistenti e assistendo i neoimprenditori.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.