Servizio civile universale. Firma anche tu la petizione di VITA.it

“Mai come in questo momento i nostri ragazzi hanno la necessità di avere la possibilità di mettersi al servizio delle persone e del loro territorio. Il servizio civile, come su un altro fronte il programma Erasmus, è uno strumento formidabile per la crescita dei giovani. Cambia la prospettiva delle persone, mette i ragazzi di fronte a possibilità e alternative di vita. Ormai nelle giovani generazioni lo scoramento ha raggiunto livello preoccupanti e il servizio civile offre una grande possibilità di contrastare questa deriva ha detto Romano Prodi.

Negli ultimi anni la drastica riduzione (– 400%) dei fondi a disposizione ha reso sempre più esigua la possibilità di coinvolgimento dei giovani in queste esperienze di partecipazione e cittadinanza attiva, altamente formative.

Il servizio civile continua, infatti, ad essere erroneamente contemplato tra le fonti di spesa sacrificabili, in quanto poco produttivo, e legato ad una visione assistenzialistica. Rappresenta, invece, l’unica politica giovanile di respiro nazionale che in tanti anni si sia riusciti a realizzare, e andrebbe valorizzato, specie in un Paese che si trova ad affrontare la sfida dei cosiddetti Neet: 2,2 milioni di giovani che non studiano e non lavorano.

Il servizio civile può davvero rappresentare uno strumento privilegiato di promozione sociale e orientamento lavorativo per i nostri ragazzi e merita una riforma, proprio nel 2012, anno in cui ricorre il 40ennale della legge sull’obiezione di coscienza.

A beneficio, certamente, dei nostri giovani, ma dell’intera società: per ogni euro che lo Stato investe sul servizio civile, ha un ritorno di quattro volte tanto. È una produttività che non ha eguali in Italia, un capitale sociale e umano enorme.

Non si può lasciare morire uno strumento così formidabile!

Ecco perché ho aderito al “manifesto per un servizio civile universale”, lanciato dal portale no profit VITA.it, che riporto qui di seguito. Fallo anche tu!

Damiano Zoffoli

 

MANIFESTO PER UN SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

Il servizio civile nazionale nato con la legge 64 del 2001 sta morendo. Dal 2008 al 2012 il fondo nazionale è passato da 299 a 68 milioni. Un taglio di oltre il 400% in 4 anni. I 68 milioni messi a bilancio quest’anno non sono sufficienti neanche a coprire i costi messi a bando.

Il primo febbraio risultavano in servizio meno di 9mila volontari. Nel 2006 erano quasi 46mila. Mentre i ragazzi nella fascia di età fra i 18 e i 28 anni che quindi avrebbero diritto ad accedere al servizio civile sono oltre 8 milioni.

Negli ultimi anni nonostante i tagli abbiano ridotto le possibilità di accesso al servizio civile i giovani non si sono fatti scoraggiare: la domanda è sempre stata molto superiore all’offerta. Evidentemente i nostri ragazzi sentono forte la necessità di avere uno strumento di partecipazione civica che consenta loro di essere e sentirsi protagonisti della vita del paese.

Il servizio civile in questi anni si è dimostrato un efficiente moltiplicatore di valore sociale. Secondo le stime del Centro universitario di studi sul servizio civile ogni euro investito produce un controvalore quattro volte maggiore in termini di formazione e servizi sociali offerti.

PER SALVAGUARDARE QUESTO PATRIMONIO E RESTITUIRE LA DIGNITA’ AL SERVIZIO CIVILE ALLA POLITICA NON CHIEDIAMO FONDI AGGIUNTIVI, MA L’ISTITUZIONE DI UN SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE APERTO A TUTTI I GIOVANI CHE VIVONO NEL NOSTRO PAESE. UN SISTEMA A CUI DOVRANNO CONTRIBUIRE SIA LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, SIA I SOGGETTI PRIVATI PROFIT E NON PROFIT.

È possibile FIRMARE online cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.