Piano decennale dei trasporti: la mobilità dell’Emilia-Romagna del futuro

Il Prit 2010-2020 ha fatto tappa nelle Commissioni dell’Assemblea Legislativa. Sicurezza, integrazione dei trasporti e riduzione del traffico su gomma gli obiettivi principali.

Il Piano regionale integrato dei trasporti 2010-2020 (Prit) è stato al centro, giovedì scorso, di una riunione congiunta delle Commissioni Bilancio e Territorio Ambiente Mobilità, presiedute rispettivamente da Marco Lombardi e Damiano Zoffoli. Il provvedimento, i cui documenti preliminari sono stati già oggetto di esame in Assemblea e di un ordine del giorno approvato a maggioranza nel luglio 2010, rappresenta il principale strumento di pianificazione dei trasporti della Regione.

Tra le priorità indicate nel Piano decennale, che si fonda su 2 pilastri (il Piano Territoriale Regionale e il Libro Bianco sui Trasporti dell’Unione Europea di marzo 2011) ci sono, nell’ottica della sostenibilità del sistema e del governo della domanda di mobilità, 3 sfide significative e particolarmente importanti: “Si tratta – ha ricordato Damiano Zoffoli – della sicurezza stradale, del cosiddetto ‘ultimo miglio’, ossia l’integrazione dei diversi sistemi di mobilità fino alle reti urbane, e infine della riduzione dell’eccessivo traffico pesante su gomma, dovuto al trasporto merci che attraversa la nostra Regione, che determina un grande impatto sul congestionamento delle infrastrutture e sull’ambiente. Un congestionamento da risolvere secondo i principi del “chi usa paga” e “chi inquina paga”, e tramite un deciso investimento sul trasporto pubblico locale, in un’ottica di integrazione ferro-gomma”.

Il provvedimento punta al completamento del quadro infrastrutturale già pianificato dal PRIT98 e all’ottimizzazione e riqualificazione dell’esistente in un quadro di risorse che valorizzino il ruolo degli investitori privati. L’intento generale è invece di agire prevalentemente sulla domanda, a partire dalla promozione di un sistema integrato di mobilità in cui il trasporto collettivo assolva un ruolo centrale e, all’interno di questo, la rete e i servizi ferroviari rappresentino l’ossatura portante e il riferimento per l’integrazione.

Rimane quindi sostanzialmente invariato il quadro delle infrastrutture, uniche novità la realizzazione di nuove corsie in alcuni tratti autostradali come ad esempio la quarta corsia tra S.Lazzaro e Castel Bolognese e tra Modena e Piacenza oppure la terza corsia tra Bologna e Ferrara Sud e sull’Auto Brennero da Modena al confine regionale.

Il quadro di partenza

Con 8,9 milioni di spostamenti quotidiani, si può dire che ogni cittadino dell’Emilia-Romagna si mette in viaggio mediamente due volte al giorno. Gli spostamenti sono per lo più urbani (5,8 milioni), tuttavia quelli extraurbani, pari a 3,1 milioni, mostrano una tendenza alla crescita (1 milione in più nell’ultimo decennio).

Il mezzo più utilizzato è l’auto (67%) in genere occupata da 1,1 viaggiatori ogni volta. Il 7% utilizza il trasporto pubblico locale, il 10% la bici, il 4% la moto.

I passeggeri utenti dei servizi di mobilità urbana (autobus, filobus, …) nel 2010 sono stati 262 milioni, quelli di servizi ferroviari di competenza regionale 43 milioni.

Per quanto attiene l’aspetto sicurezza, nell’ultimo decennio sono calate del 50% le morti sulla strada e del 27% gli incidenti. In calo anche i feriti (-27%). Rimane comunque alto il bilancio del 2010 con 401 morti, 27.965 feriti, 20.147 incidenti. Da notare che complessivamente scende meno il numero dei decessi tra i pedoni (-30%) e i ciclisti (-21%), mentre aumenta il numero degli incidenti: pedoni feriti +14%, ciclisti feriti +26%).

Trasporto merci

Il volume delle merci movimentate o che attraversano la regione è di oltre 350 milioni di tonnellate l’anno (più del 90% su strada). La piattaforma logistica regionale consta di 2 interporti (Bologna e Parma), 5 impianti ferroviari principali, 1 in apertura (Marzaglia), a cui si sommano impianti e raccordi privati. Complessivamente nel 2009 in questi centri sono stati movimentati 13 milioni di tonnellate di merci (+ 2,4 milioni di tonnellate grazie a contributi a sostegno del trasporto merci ferroviario per 2,9 milioni di euro in tre anni in base alla L.r15/2009).

Un capitolo a parte è rappresentato dal porto di Ravenna, riconosciuta come infrastruttura di livello europeo. Nel 2010 vi sono state movimentate 22 milioni di tonnellate di merci. Residuali le cifre del trasposto merci fluviale (600 mila tonnellate) e aeroportuale (30 mila tonnellate).

GLI OBIETTIVI DEL PRIT 2010-2020

L’obiettivo principale del Prit 2020 è l’aumento dei collegamenti fra i territori a fronte di una riduzione dei costi di gestione: un proposito che passa da un incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico locale, in particolare quello su ferro, che sarà incentivato favorendo l’integrazione tra diversi mezzi, valorizzando le infrastrutture, in primo luogo la linea dell’Alta velocità e l’asse Bologna-Rimini, e garantendo servizi di bigliettazione e tariffazione unica a livello regionale.

Nelle previsioni della Regione ci sarà il raddoppio degli utenti del trasporto ferroviario che passeranno dagli oltre 40 milioni attuali a 80. Una crescita possibile grazie al rafforzamento del ruolo del Tpl, che arriverà a contare 270 milioni di viaggiatori, come sistema complementare a quello su binari. Questi risultati, uniti al previsto aumento degli spostamenti in bicicletta dal 10 al 15%, porteranno, secondo quando auspica il Prit, ad un riduzione dell’1% della congestione del traffico nelle ore di punta, attualmente al 6%.

Tra gli ulteriori obiettivi il dimezzamento degli incidenti stradali letali, il cui numero è già sceso del 50% nell’ultimo decennio. La sfida è arrivare a quota 200. La riduzione dei sinistri è uno dei cinque punti chiave nella valutazione ambientale del Piano, insieme al miglioramento della qualità dell’aria, al contenimento dell’inquinamento acustico, al calo dell’impatto ambientale in città e alla limitazione dello sfruttamento delle risorse naturali, a cui concorrerà anche l’impegno di portare almeno al 10% la quantità di energia da fonti rinnovabili utilizzata nei trasporti.

Il Prit prevede interventi specifici per ogni settore: per le ferrovie aumenterà la cadenza dei treni, che passeranno ogni 15 minuti sulle linee più trafficate, e si punterà sull’interscambio, sia modale che tariffario.

Per gli spostamenti in città spazio invece a strategie per incentivare in primo luogo il trasporto pubblico, specie per i tragitti sistematici come casa-lavoro, o in alternativa le piste ciclopedonali o le diverse forme di gestione dei tragitti, a partire dal car sharing.

Novità anche sul tema della logistica e del movimento merci: la riduzione del trasporto su gomma parte dal potenziamento del servizio su ferro, che raggiungerà 25 milioni di tonnellate nel 2020, e di quello idroviario, in particolare del sistema padano-veneto, lungo il Po.

Si attendono risultati anche dall’applicazione di pedaggi aumentati per i mezzi sopra le 7,5 tonnellate e da una serie di interventi per rendere più efficace il trasporto a corto raggio, incentivando l’aumento dei carichi, la diminuzione dei viaggi e il rinnovamento dei mezzi.

Il porto di Ravenna continuerà a rivestire il ruolo di terminale sull’Adriatico per i corridoi del Baltico, e l’investimento più importante è l’abbassamento del fondale del canale principale per favorire l’accesso a navi di dimensioni maggiori.

Sul fronte degli aeroporti via libera a ogni iniziativa che favorisca la coordinazione tra i diversi scali, fino ad arrivare all’obiettivo degli 8,6 milioni di passeggeri nel 2020. Non è prevista l’apertura di ulteriori aeroporti, ma è da evitare ogni decisione che possa compromettere l’ampliamento di quelli già esistenti.

***

È possibile scaricare le SLIDES di PRESENTAZIONE del PRIT cliccando qui.

Il testo del PRIT adottato dalla Giunta, tutti i documenti e gli allegati allo stesso, sono invece scaribabili da questa pagina.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Piano decennale dei trasporti: la mobilità dell’Emilia-Romagna del futuro

  • serri pierluigi

    Vi siete proprio dimenticati di quanto sia importante il collegamento di RA-FC-FI-LI In poche parole non ve ne frega niente della Romagna e della statale 67
    Serri Intili Pretolani

    • Carissimi,
      quello che avete letto era solo un breve resoconto della seduta di Commissione in cui è stato presentato il nuovo PRIT 2010-2020.
      Il documento non si dimentica della Strada Statale 67 e, tantomeno, della nostra Romagna!
      Nel documento ci sono alcuni riferimenti precisi, che riporto qui di seguito: “Sono previsti interventi di riqualificazione anche con varianti fuori sede degli assi di valico appenninico (S.S. 45, 62, 63, 12, 64, 67), da attuarsi per lotti funzionali.
      (…)
      Sugli assi di valico appenninico (S.S. 45, 62, 63, 12, 64, 67), oltre a interventi finalizzati alla messa in sicurezza da attuarsi attraverso l’adeguamento della piattaforma stradale, le rettifiche di tracciato, la sistemazione funzionale delle intersezioni e la risoluzione di “punti neri” e il ripristino a seguito di movimenti franosi, si prevedono alcuni interventi di riqualificazione, anche con varianti fuori sede, da attuarsi per lotti funzionali prioritari, quali l’ammodernamento, nel tratto Rocca S. Casciano-Dovadola, della S.S. 67 Tosco–romagnola”
      .
      Naturalmente questo è un documento di sola programmazione.
      Mentre, come ben sapete, la realizzazione di quanto scritto è legata alle disponibilità finanziarie che, trattandosi di strada statale, non dipendono dalla sola volontà della nostra Regione.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli