Danni neve, burocrazia più snella e agevolazioni per la ricostruzione in Romagna

Gratis le pratiche sismiche presentate entro sei mesi dall’entrata in vigore della delibera regionale

Iter più rapido e pratiche più snelle per riparare gli edifici danneggiati dalla neve in Romagna. È il nuovo aiuto deciso dalla Regione, indirizzato sia agli enti pubblici che ai privati delle Province di Forlì-Cesena e Rimini.

La Giunta regionale ha approvato una delibera che attiva percorsi rapidi per le autorizzazioni alle ricostruzioni sugli edifici pubblici e privati, prevedendo anche l’esenzione dal pagamento degli oneri per il controllo dal punto di vista della sicurezza sismica dei progetti (dai 360 ai 480 euro a pratica).

Gli aiuti valgono, appunto, per il ripristino delle strutture danneggiate in Romagna dalle nevicate sopraggiunte tra il 31 gennaio e il 12 febbraio scorsi e solo per le pratiche sismiche presentate entro sei mesi dall’entrata in vigore della delibera. Gli interventi potranno riguardare tetti crollati di stalle e ricovero di animali, capannoni industriali e immobili destinati ad attività produttive e servizi, ma anche stabili pubblici e privati rimasti danneggiati per l’eccessivo carico della neve.

“Una risposta pronta, da parte della Regione, per venire incontro a chi ha subìto danni a causa delle ultime eccezionali nevicate e alle imprese dell’Emilia-Romagna. – spiega l’Assessore regionale alla Protezione Civile, Paola Gazzolo – Si tratta di un ulteriore aiuto concreto che la Regione dà per la ricostruzione e per il ritorno alla normalità nelle zone più colpite. La rapidità dell’attività istruttoria che compete ai Servizi Tecnici Regionali sarà garantita dal Servizio Tecnico di Bacino della Romagna, anche con la collaborazione con il Servizio regionale Geologico sismico e dei suoli”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.