8 marzo. “Senza le donne l’Italia non può tornare a crescere, soprattutto a crescere bene”

Nel 2010, in Emilia-Romagna, 1557 lavoratrici madri (163 delle quali in Provincia di Forlì-Cesena) hanno lasciato il posto di lavoro nel primo anno di vita del loro bambino. Ovvero si sono dimesse: una scelta forzata, che riguarda una mamma su quindici.

Se si escludono le 233 che sono andate a lavorare in un’altra azienda, i dati parlano chiaro: oltre 1300 giovani mamme sono state costrette a lasciare il lavoro per incompatibilità tra occupazione e assistenza ai propri figli neonati; per la difficoltà di accesso ai servizi per l’infanzia, per gli eccessivi costi degli stessi, per l’impossibilità di ottenere formule part-time, di telelavoro o comunque orari più flessibili in azienda, per l’assenza di una rete parentale.

Del resto, anche nella nostra Regione, permangono ancora evidenti scarti nella distribuzione dei carichi di cura fra donne e uomini, se è vero che questi ultimi dedicano mediamente 6h 46’ alla settimana al lavoro domestico, contro le 23h 16’ delle donne.

Spesso sottovalutiamo quanto, per loro, sia difficile gestire tutto: le aspettative, gli impegni, la famiglia, la dimensione pubblica e quella privata. Una fatica, il più delle volte, sottotraccia.

E per le giovani donne la maternità è una delle causa di difficoltà ad entrare nel mercato del lavoro, costituendo, molto spesso, un forte deterrente all’assunzione a tempo indeterminato. Tutto questo ha comportato, nell’ultimo anno, un calo della natalità, dopo oltre un decennio di costante crescita.

Maggiore attenzione merita poi il fenomeno delle cosiddette “dimissioni in bianco”, vale a dire la pratica di certi datori di lavoro di far sottoscrivere alle lavoratrici, al momento dell’assunzione, una lettera non datata di dimissioni, che può essere usata in qualsiasi momento ma, di fatto, in caso di maternità.

Proprio nei giorni scorsi, in Assemblea Legislativa, abbiamo presentato un atto di indirizzo per contribuire a sconfiggere questo fenomeno, chiedendo al Governo Monti, nell’ambito della riforma del mercato del lavoro, di provvedere rapidamente ad eliminare questo vero e proprio ricatto, ai danni delle donne e dei loro diritti.

Anche a proposito di merito i dati sono molto chiari: le donne si rivelano puntualmente più brave dei coetanei maschi, ma gli uomini fanno più spesso carriera e guadagnano di più (mediamente il 18%). La questione di genere è, dunque, anzitutto una questione di meritocrazia. Incentivare il merito – dai banchi di scuola fino all’inquadramento professionale – significa promuovere la donna e il lavoro femminile, anche alla luce del fatto che la crisi sembra aver aggravato i problemi strutturali già esistenti.

A questo punto, mi chiedo: un Paese che punta sulla crescita e sulla modernizzazione può fare a meno di queste competenze, di questi saperi, dei talenti femminili?

La domanda è ovviamente retorica, e la risposta è no.

Vincere la sfida della crisi economica passa dalla capacità di mettere in moto il circolo virtuoso che si crea fra occupazione femminile, consumi e investimenti, maggiori servizi, e che produce una crescita del PIL.

Non è più vero che le donne che stanno a casa fanno più figli, ma è dimostrato che “donne a casa culle vuote”. È quindi urgente attuare politiche efficaci di conciliazione, anche per sbloccare l’impasse demografico.

È quello che, in Emilia-Romagna, ci proponiamo di fare con il nuovo “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” – firmato, lo scorso 30 novembre, tra la Regione e tutte le forze sociali, economiche ed istituzionali emiliano-romagnole – che ha al centro investimenti nel sapere e nelle competenze, con incentivi e azioni mirate ad aumentare l’occupazione giovanile e femminile, e a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Come sostiene Maurizio Ferrera, nel suo libro “Il fattore D”, “senza le donne, l’Italia non può tornare a crescere, soprattutto a crescere bene”.

Buon 8 marzo a tutte le donne!

Un augurio che diventa un impegno per tutti noi.

Damiano Zoffoli

 

(In foto, l’eurodeputata Licia Ronzulli mentre vota nell’aula di Strasburgo, tenendo in braccio sua figlia. I numeri riportati nel testo sono rielaborazioni a cura dell’Ufficio delle Consigliere di Parità dell’Emilia-Romagna su dati della Direzione regionale del Lavoro).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to 8 marzo. “Senza le donne l’Italia non può tornare a crescere, soprattutto a crescere bene”

  • Fringui

    Lettera aperta ai partiti: IL VOTO ALLE DONNE

    Siamo cittadine di questo Paese, alcune di noi lavorano, altre studiano, sono disoccupate o dedicano il loro tempo alla famiglia. Ma tutte noi, nel lavoro, nello studio, fuori e dentro la famiglia, ogni giorno facciamo il nostro dovere, e lo facciamo al meglio perché ci crediamo.
    Anche per questo non ci rassegniamo a lasciare questo Paese nelle mani di un’oligarchia, quasi tutta maschile, di “professionisti della politica”. Perché la politica riguarda la vita di tutte noi.
    Scriviamo questa lettera, anche a nome di tutti gli uomini che ne condividono lo spirito, sia a titolo individuale che a nome di varie associazioni e gruppi appartenenti alla società civile perché abbiamo deciso di cambiare l’unica cosa che possiamo cambiare subito: il nostro comportamento!mVe lo comunichiamo perché la cosa vi riguarda direttamente in almeno due punti:

    1) Nell’attesa che riusciate a mettervi d’accordo su una nuova legge elettorale che possa eliminare ogni discriminazione di genere, noi abbiamo deciso di votare solo per quei partiti che presenteranno liste con ugual numero di candidati dei due sessi.
    Questo per rafforzare la presenza delle donne nelle istituzioni, dalle quali finora siamo state metodicamente escluse, in nome del principio di uguaglianza sancito dall’art.3 della Costituzione italiana.
    Quindi:
    I partiti che non presenteranno liste con il 50% delle donne tra i candidati, non avranno il nostro voto.

    2) Nell’attesa di una legge elettorale che restituisca il potere di scelta alle elettrici e agli elettori, abbiamo deciso di votare solo quei candidati e candidate che, attraverso i partiti che li sostengono, metteranno a disposizione dell’opinione pubblica la loro biografia completa, con la storia dettagliata del loro percorso professionale, patrimoniale e politico, ivi compresi meriti e competenze che noi ci riserveremo di controllare nella loro completezza e veridicità.
    Questo in nome di una necessità di trasparenza essenziale al miglioramento della qualità della rappresentanza politica, sia maschile che femminile, che ormai si è ridotta a rappresentare soltanto se stessa.

    Quindi:
    I partiti che non forniranno i profili dettagliati delle loro candidate e dei loro candidati, non avranno il nostro voto.
    Se queste due richieste saranno disattese, non vi voteremo; lo faremo privatamente, a partire da noi stesse, dalla rete delle nostre relazioni familiari, amicali, professionali, e lo faremo pubblicamente, in modo più organizzato, utilizzando tutti i canali possibili delle donne e della comunicazione politica, sociale, culturale.
    Poiché crediamo nell’urgenza di questa battaglia di democrazia e di civiltà, invitiamo tutte le cittadine e tutti i cittadini che ne condividono lo spirito a firmarla e a diffonderla.
    Alle donne dei partiti che condividono le nostre richieste chiediamo di farsene interpreti presso le loro segreterie e di rendersi disponibili per un incontro/confronto che contiamo di organizzare al più presto.

    http://blog.leiweb.it/marinaterragni/2012/03/07/caro-partito-ti-scrivo/)