Il cittadino protagonista

Come cambia il modello emiliano: il libro di Graziano Delrio

Europa – 10 dicembre 2011.

Graziano Delrio, fra gli amministratori locali più preparati del nostro Paese, Sindaco di Reggio Emilia, nominato poco tempo fa Presidente dell’ANCI, ha dato alle stampe, per Donzelli, un piccolo volume dal titolo “Città delle persone. L’Emilia, l’Italia e una nuova idea di buon governo”.

Il testo è una disamina delle possibilità e delle sfide che si presentano a chi presta il proprio impegno nella guida delle città e delle amministrazioni locali in genere. A fare da sfondo al ragionamento di Delrio c’è il cosiddetto modello emiliano, e cioè quello stile amministrativo della cosa pubblica proprio dell’Emilia Romagna.

Il titolo del lavoro trae ispirazione da una scuola di pensiero ben definita: il personalismo cattolico e cristiano che largo spazio ha trovato nella nostra Costituzione dove i diritti della persona precedono quelli dello Stato (recita l’articolo 2: «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale»). E soltanto rifacendosi a ciò, per l’autore, la polis può trovare quello slancio tale da permettere una nuova vigoria amministrativa e la capacità di fare delle “persone” una comunità.

Scrive Delrio: «Ognuno ha diritto alla propria soggettività e (…) le persone, insieme, sono comunità: nessuno sarà lasciato indietro o abbandonato». L’ambito d’indagine è molto ampio e ricostruito in modo da facilitare il lettore: alla fine di ogni capitolo ci sono, infatti, degli schemi che accostano le problematiche e le possibili soluzioni.

Resta il confronto, serrato, con il modello emiliano, che il Sindaco reggiano analizza anche con una buona dose di “disincanto”: «Occorre innanzitutto chiedersi se abbia ancora un senso parlare di “modello emiliano” e più in generale se abbia senso definire “modello” un insieme di pratiche, un agire che si qualifichi con un “noi”».

La riflessione si poggia sull’individuazione del cittadino come soggetto principe dell’azione amministrativa in continua osmosi fra rappresentante e rappresentato, scrive l’autore che: «Rappresentare significa assumere la responsabilità di condividere e di elaborare progetti che diano forma e sostanza a sogni, speranze, valori comuni. Sentirsi rappresentati significa appartenere emotivamente e contribuire a un disegno che trovi il giusto equilibrio tra interessi individuali e collettivi».

E questo può avvenire prediligendo linee orizzontali d’intervento pubblico dove il pubblico e la politica non si sviliscano e perdano il loro valore, e quello che Delrio definisce “capitale sociale”, non sfoci in populismo turbinoso e turbolento: «Il “capitale sociale” – annota –, quell’insieme di relazioni caratterizzate dalla fiducia reciproca e dalla condivisione di diritti e doveri tradotti nelle regole che le comunità si danno, rappresenta, nel modello emiliano, un aspetto centrale». Stabilite in qualche misura le coordinate politiche che fanno da cornice alla riflessione generale, il volume non elude le nuove sfide che si pongono al vivere comune, le crisi che esso si trova ad attraversare e che rappresentano un punto di passaggio obbligato per nuove frontiere, per andare incontro alle giovani generazioni, alle moderne forme di produzione, alle problematiche poste dall’inclusione e accoglienza degli immigrati.

Concludendo l’autore mette a punto la sua proposta. Un progetto inclusivo, che riesca a far breccia fra le strette maglie della chiusa individualista determinata dalla crisi economica e sociale, conscio che soltanto attraverso uno sforzo comune si può sperare nella ripresa: «La condivisione di una strategia e il ruolo di regia del pubblico nell’individuazione dell’interesse generale sono ciò che fa la differenza tra la scelta politica della partecipazione e della sussidiarietà pubblica rispetto alla sussidiarietà privata, alla filantropia e alla soluzione individuale dei problemi collettivi».

Scriveva don Milani: «Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne insieme è la politica, sortirne da soli è l’avarizia». Un po’ quello che propone Delrio, consapevole che, sempre per citare il parroco di Barbiana, a che cosa servirà avere le mani pulite se poi si tengono in tasca?

Luigi Giorgi

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.