Valorizzazione della Via Francigena, una grande opportunità per il nostro territorio

La Giunta regionale si impegnerà in sede europea per il riconoscimento ufficiale anche dei percorsi alternativi (al percorso ufficiale cosiddetto “di Sigerico”) della Via Francigena e a promuovere un incontro con tutti gli enti pubblici, gli operatori e i portatori di interesse emiliano-romagnoli su questo tema. È quanto stabilisce una risoluzione approvata all’unanimità dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

“La Via Francigena, che da Canterbury conduce a Roma, fin dal Medioevo è stata percorsa da tantissimi pellegrini – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo – e ha un grande valore storico culturale per tutte le Regioni che attraversa. Per valorizzare e conservare questo antico itinerario, la Regione Emilia-Romagna, dal 1996 al 2011, ha investito oltre 5 milioni di euro”.

La risoluzione impegna la Giunta a sostenere le azioni volte alla corretta identificazione, mappatura e promozione degli itinerari, nonché alla realizzazione di interventi strutturali per il ripristino delle strade, la dotazione cartellonistica e di arredi, la creazione di strutture turistiche e la ristrutturazione dei beni monumentali attinenti l’antico cammino medievale dei pellegrini diretti a Roma a dal Nord Europa.

“Il fascino di questo antico cammino della fede offre moltissime opportunità per lo sviluppo del nostro turismo, in particolare quello montano. Per cogliere queste possibilità – conclude Zoffoli – dobbiamo lavorare per migliorare l’attrattività del percorso e l’accoglienza dei turisti”.

Infine, il testo impegna la Regione ad elaborare un “master plan” per lo sviluppo della Via Francigena, coinvolgendo nell’elaborazione tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna attraversati dal tracciato, e a promuovere iniziative imprenditoriali tese alla sua valorizzazione e alla promo-commercializzazione di un circuito di straordinario interesse sotto il profilo religioso, culturale e ambientale.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to Valorizzazione della Via Francigena, una grande opportunità per il nostro territorio

  • Caro Damiano, mi fa piacere la presa di posizione da parte della regione sulla via Francigena.
    Ti rendo noto che con altri comuni (da Ravenna a Subbiano, e poi quelli umbri e laziali, nonchè Bolzano, stiamo lavorando sulla via Romea di Stade che invece passava dalla parte adriatica (Ferrara, Ravenna, Forlì, Bidente, Bagno di Romagna). Siamo associati con la ROMWEG tedesca, associazione di comuni tedeschi attraversati dalla via Romea, costituitasi nel 2009. Della cosa ne è a conoscenza la Castellini, la Liviana Zanetti (che è promotrice sia come APT che come Vicesindaco di Bagno). Abbiamo avuto piccoli finanziamenti da APT, dalla Regione sulle Vie della fede e sul progetto Ernest (tutto anno 2011) e dalla Fondazione Cassa Risparmi Forlì.
    Presto si costituirà l’associazione della Via Romea di Stade e confidiamo in un aiuto della Regione ed un inserimento stabile nei suoi programmi. Se vuoi diverse cose sono nella home-page del Comune di santa sofia.
    Cordiali saluti e a risentirci.
    Flavio Foietta

    • Caro Flavio,
      anche alla luce del dibattito, sviluppatosi nelle settimane scorse, sul tema della Via Francigena, abbiamo deciso, assieme ad alcuni Consiglierei regionali del PD, tra cui il collega Gabriele Ferrari di Parma, e in accordo con l’Assessore regionale al Turismo, Maurizio Melucci, di strutturare un tavolo di lavoro per ragionare assieme sulla valorizzazione di questi percorsi.
      Ti contatteremo, nelle prossime settimane, per fissare un primo incontro.
      Un caro saluto e buon lavoro,
      Damiano Zoffoli

  • Caro Damiano,
    ho creato e sviluppato un sistema per fare dei trailviews a 360° (tipo Google Streetview) dei luoghi dove si può andare solo a piedi, affiancati da materiale divulgativo. Attualmente abbiamo messo online la demo di un sentiero fatto a Yosemite (http://www.trailmeup.com).
    Ho mappato diversi sentieri nei parchi naturali statunitensi (tema geologico), nei villaggi delle tribu della Omo Valley in Etiopia (tema antropologico), mentre quest’estate prevedo di mappare parte del Cammino di Santiago (tema culturale-religioso), le trincee nelle Dolomiti (tema storico), l’Etna (tema geologico) e la Tanzania (tema antropologico).
    Credo che l’attività mia e dei miei collaboratori possa sposarsi benissimo con l’intenzione di valorizzare la Via Francigena…se ti può interessare, anche solo per fare due chiacchiere, rimango a disposizione.
    Grazie!
    Fabio

    • Gentile Fabio,
      quello che mi segnali è interessante.
      Come forse avrai visto qui sopra, è nostra intenzione, strutturare un tavolo di lavoro per ragionare assieme sulla valorizzazione di percorsi come la via Francigena.
      Non appena avremo calendarizzato la riunione (probabilmente dopo la tornata elettorale amministrativa che coinvolge il Comune di Parma e che vede impegnato da vicino il mio collega Gabriele Ferrari, che si è reso disponibile a coordinare il tutto), ti faremo sapere.
      Così, se vorrai, potrai partecipare e illustrarci la tua iniziativa.
      Un caro saluto e buon lavoro,
      Damiano Zoffoli

  • Orlandini Francesco

    Ciao Damiano, hstudiato in questi mesi il percorso della Romea anche leggendo un libro scritto da un gruppo di ragazzi italiani che hanno percorso tutti i 2270 da Canterbury a Roma. Credo che qualunque progetto avete in mente, avrete bisogno di gente che abbia voglia di mettersi in gioco e di dare una mano.
    Io e l’associazione dei Biker di cui faccio parte saremo onorati di partecipare alle riunioni e di poter dare una mano concreta!

    Ps
    ma proprio interista?