Giornata in ricordo delle vittime delle mafie: “Quella che serve è una riscossa dei cuori”

Potenza 19 marzo 2011Le mafie non uccidono solo le persone. Non si limitano a corrompere il tessuto economico, avvelenando la libera concorrenza. Chi cede ai ricatti o alle lusinghe delle mafie uccide una parte di sé. Chi dà spazio alle priorità dei mafiosi mina i propri principi morali. Per questo una giornata come quella del 21 marzo, dedicata alla memoria e all’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, è importante. Perché l’esempio di chi ha mantenuto la schiena dritta e la coscienza pulita può aprire gli occhi a tanti, evitando una fatale sottovalutazione dei pericoli.

Specie in questi tempi di crisi economica, può risuonare forte per molti imprenditori o commercianti il canto delle sirene che invitano a imboccare comode scorciatoie, cedendo alle offerte di qualche gruppo mafioso. Criminali che si presentano spesso con modi affabili e capitali pronti per investire, ma che si rivelano sempre portatori di doni avvelenati.

Sono tante le persone che hanno pagato con la vita il loro impegno nella lotta alle mafie. Le loro coscienze pulite sono un faro che può guidarci verso una società più pulita. In questa data mi piace ricordare, tra i tanti, il magistrato siciliano Rosario Livatino, ucciso dalla mafia a nemmeno 38 anni nel 1990.

Nella sua visita a Cesena, nel novembre scorso, don Luigi Ciotti ricordò un episodio significativo sul viaggio in Sicilia di Giovanni Paolo II nel 1993, a meno di tre anni dalla morte di Livatino. In quell’occasione, dalla spianata della Valle dei templi di Agrigento, il pontefice scagliò un anatema contro i mafiosi: “Convertitevi! Una volta verrà il giudizio di Dio”. Immagini che fecero il giro del mondo per la propria forza. Ebbene, don Ciotti ricorda che qualche ora prima di quella celebrazione eucaristica papa Wojtyla fece fermare il corteo papale per incontrare i genitori di Rosario Livatino, Rosalia e Vittorio. Nel breve incontro poté leggere alcune pagine del diario del magistrato ucciso, tra le quali è divenuta celebre la frase “Non ci sarà chiesto se siamo stati credenti, ma credibili”. Parole che spronano all’impegno ogni uomo.

Per parte nostra, in Emilia-Romagna, l’attenzione contro la criminalità organizzata è e resta alta. Nel 2010, con la legge 11, abbiamo messo in campo strumenti per valorizzare le imprese virtuose, aumentare i controlli nei cantieri e monitorare gli appalti. A questa è seguita una legge per l’attuazione coordinata di politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile.

La prossima apertura in Emilia-Romagna di un’agenzia della Dia (Direzione investigativa antimafia), più volte sollecitata dalla Regione, e la firma, la settimana scorsa alla presenza del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, di un protocollo d’intesa sulla sicurezza tra la Regione e i nove prefetti dell’Emilia-Romagna, sono appena gli ultimi segnali di un impegno di lungo corso.

Come sempre, però, gli strumenti legislativi e amministrativi da soli non bastano. Quello che serve è una riscossa dei cuori. Una chiamata all’impegno di tutti i cittadini. Quel “dare alla legge un’anima” che si proponeva il “giudice ragazzino” Rosario Livatino.

 Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.