Legge 194, la Regione lavori per sostenere la maternità

Presentata un’interrogazione per valorizzare i protocolli organizzativi distrettuali per l’assistenza socio-sanitaria, al fine di evitare il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza

I Consiglieri regionali del Partito Democratico, Beppe Pagani e Damiano Zoffoli, hanno presentato un’interrogazione a risposta scritta alla Giunta regionale sull’interruzione volontaria di gravidanza in Emilia-Romagna.

“Dalla relazione predisposta dall’Assessorato alle Politiche per la Salute – rilevano i Consiglieri – non emergono le cause che portano le donne a ricorrere all’interruzione volontaria della gravidanza, quando invece è proprio sul superamento delle cause che potrebbero indurre o forzare questa scelta che i consultori e gli Enti locali sono chiamati ad intervenire, affinché sia davvero rispettato quello spirito della legge 194 che, al di là delle convinzioni personali, afferma chiaramente che lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio, aggiungendo che l’interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite”.

In particolare, Pagani e Zoffoli chiedono alla Giunta regionale di chiarire quante siano le interruzioni di gravidanza legate a motivi economici e, soprattutto, quale sia lo stato di diffusione dei protocolli d’intesa nell’ambito dei quali, a fianco dei compiti di assistenza affidati in primis ai consultori, si prevedano percorsi sussidiari di associazioni di volontariato o progetti che vedano coinvolti Enti locali, Asl, soggetti non istituzionali e volontariato.

“La legge 194 – osservano i Consiglieri – comprende anche le condizioni economiche, sociali e familiari tra le cause in cui è possibile richiedere l’interruzione volontaria della gravidanza qualora la sua prosecuzione, il parto e la maternità comportino pericolo per la salute fisica o psichica della donna, ma è del tutto evidente che il diritto alla procreazione cosciente e responsabile non si può garantire se, nel momento in cui si stanno moltiplicando le interruzioni di gravidanza legate alle difficoltà economiche delle famiglie, non si assicurano sostegni in grado di ripristinare le condizioni per una libera scelta”.

Citando nell’interrogazione l’esperienza di collaborazione tra pubblico e associazioni di volontariato a Correggio, e richiamando il parere favorevole dell’Assessore regionale Lusenti proprio su quel protocollo, Pagani e Zoffoli chiedono alla Giunta come il governo regionale intenda procedere per valorizzare queste buone prassi, per una piena applicazione della 194 su tutto il territorio regionale.

“Mentre aumentano le difficoltà economiche di tante famiglie – concludono i Consiglieri – occorre sostenere le donne in una scelta difficile e, soprattutto, far sì che la maternità non sia messa a rischio da contesti che possono umiliare il desiderio della maternità stessa”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Legge 194, la Regione lavori per sostenere la maternità

  • Paolo Bergonzoni

    Molto bene Damiano! Totale sostegno, a te e a Beppe Pagani, da parte della Consulta delle Famiglie di Forlì e delle associazioni in essa rappresentate.
    Paolo Bergonzoni

  • Paolo Zammarchi

    Condivido pienamente il merito e la tempestività dell’iniziativa, di fronte alla pratica dell’aborto che resta sempre “un dramma” per la donna e che comporta “costi” sociali ed umani altissimi. Grazie a te Damiano ed al tuo collega Pagani. Possa la vostra interrogazione sollevare il velo di silenzio che avvolge un tema così scottante, e sollecitare una franca e costruttiva riflessione in quanti, credenti o non credenti, sono davvero interessati al bene della donna e della società.
    Paolo Zammarchi

  • Vilma Zinzani

    Grazie per il lavoro svolto e complimenti per la formulazione dell’interrogazione con risposta scritta, sull’applicazione dell’art. 2 della Legge 194.
    Vilma Zinzani, Presidente del CAV (Centro di Aiuto alla Vita) di Faenza

  • antonella

    condivido la linea e apprezzo il lavoro, aspetto la risposta.
    a presto
    Antonella Diegoli