Dalla Regione 650.000 euro per il miglioramento degli attraversamenti ferroviari nel Comune di Bellaria

Accordo tra Regione, Comune e RFI per il concreto miglioramento della viabilità, tramite la soppressione del passaggio a livello all’incrocio con Via Savio e l’adeguamento di quello su Via Pisino

Il Comune di Bellaria Igea Marina, lungo i circa 7 km della tratta di linea ferroviaria insistente sul suo territorio, è interessato dalla presenza di numerosi passaggi a livello, di cui ben 6 nell’abitato di Bellaria, concentrati nell’arco di circa 1,8 km e quindi posti ad una distanza media di circa 350 m l’uno dall’altro.

“Tale situazione, indubbiamente, determina importanti ripercussioni sulla realtà locale in termini viabilistici, urbanistici ed economici. – spiega Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Trasporti della Regione Emilia-Romagna – La problematica è particolarmente sentita dalla popolazione nel periodo estivo quando, ad una maggiore presenza turistica, si accompagna un incremento dei convogli ferroviari che transitano lungo la linea; recentemente, poi, l’intensificazione della frequenza dei servizi, attuata in via sperimentale la scorsa estate, per sostenere le politiche di promozione turistica della costa romagnola ha dato conferma dell’ulteriore aggravio dei disagi arrecati alla realtà locale per le maggiori attese e code ai passaggi a livello, rallentamenti e congestionamenti della circolazione carrabile e ciclopedonale”.

“Risulta pertanto di primario interesse – prosegue Zoffoli – affrontare il tema degli attraversamenti ferroviari nell’abitato di Bellaria, tenendo in giusta considerazione la vocazione turistica del Comune e la qualità della vita e la sicurezza per i residenti. È in quest’ottica che è stato predisposto, tra Regione, Comune e RFI, un accordo per la realizzazione di interventi infrastrutturali lungo la ferrovia Rimini-Ravenna, al fine di ridurre i tempi di attesa ai passaggi a livello”.

Nel dettaglio, gli interventi previsti riguardano:
– la soppressione del PL al km 107+545 (Via Savio) e adeguamento del PL km 107+887 (Via Pisino) alla nuova viabilità stradale, mediante posizionamento dello stesso a circa 80 m, verso Ravenna; tale intervento, in aggiunta a modifiche tecnico-impiantistiche è orientato a garantire nel breve periodo un sensibile accorciamento dei tempi di chiusura dei residui passaggi a livello insistenti sul territorio di Bellaria (Via Cervi, Via Sebenico, Via Giorgetti, Via Pascoli) a meno di 10 minuti, in entrambe le direzioni di marcia dei treni;
– la deviazione della Via Pisino poco prima del restringimento presente all’altezza del Parco Panzini e realizzazione di un tracciato che corra sostanzialmente sul sedime dello Scolo consorziale Vena Piccola;
– la creazione di una bretella di collegamento con Via Savio, che corre parallelamente al tracciato ferroviario oltre ad altre opere di completamento, tra cui il passaggio in corrispondenza dell’adeguamento del PL prossimo alla Via Savio che consente, temporaneamente, l’attraversamento della linea ferroviaria ed una pista ciclabile che si diparte da Via Pisino per arrivare sino a Via Savio, correndo in prossimità del rilevato ferroviario ed entro la zona pertinenziale di tale infrastruttura.

Ritengo che, a fronte della necessità di dare risposte a vecchi problemi, occorra realizzare al più presto interventi oggettivamente fattibili dal punto di vista tecnico-funzionale e che richiedano l’impiego di risorse che possono essere rese effettivamente disponibili dai soggetti coinvolti. Il costo complessivo degli interventi – conclude Zoffoli – è quantificato in 1.500.000,00 euro al netto dell’IVA, a meno degli interventi di adeguamento delle modifiche tecnico impiantistiche dei PL che sono a carico di RFI – DTP Bologna (che ammontano a 200.000 euro al netto dell’IVA). La Regione concorrerà con un contributo di 650.000 euro e RFI – Programma Soppressione PL e Risanamento Acustico stanzierà un contributo di 400.000 euro. Il Comune metterà a disposizione risorse proprie sino a copertura del costo totale dell’intervento, compresi gli oneri legati agli espropri”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.