PMI in affanno a causa dei ritardi nei tempi di pagamento e delle difficoltà nell’accesso al credito

Risoluzione PD sollecita l’intervento della Regione

Mantenere alta l’attenzione sui tempi di pagamento ai fornitori, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese, “vero motore dell’economia regionale”.

Lo chiede il Gruppo assembleare Partito Democratico, con una risoluzione in cui si sottolinea che sono ancora numerose le PMI costrette a chiudere a causa della crisi che continua ad attanagliare il tessuto economico del Paese.

I Consiglieri regionali evidenziano che tra le principali cause del permanere di questa situazione recessiva ci sono i troppi ritardi nei pagamenti per forniture e subforniture da parte delle grandi aziende e delle pubbliche amministrazioni, e le difficoltà per le piccole e medie aziende ad accedere al credito.

Il Consiglio d’Europa – si legge nel testo – ha approvato una nuova direttiva che introduce un termine di pagamento di 30 giorni per i contratti pubblici, mentre per i contratti privati i termini di pagamento superiori ai 60 giorni dovranno essere adeguatamente giustificati, con la previsione di un indennizzo in caso di mancato rispetto dei termini.

La Camera, – sottolineano i firmatari – il 12 febbraio 2012, ha approvato un emendamento al disegno di legge comunitario in prima lettura con cui si delega il Governo ad adottare, entro sei mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, i decreti legislativi di recepimento della direttiva comunitaria.

Sul versante dell’accesso al credito, inoltre, – aggiungono gli esponenti del PD – la BCE avrebbe immesso nel dicembre scorso denaro liquido per 500 milioni di euro a interessi irrisori, di cui 116 milioni sarebbero stati destinati alle banche italiane per agevolare l’erogazione di crediti alle imprese, ma, secondo i dati pubblicati di recente dalla Banca d’Italia, il costo del denaro per imprese e famiglie starebbe aumentando e ottenere un finanziamento diventerebbe “sempre più difficile”.

Ricordando che l’Emilia-Romagna ha anticipato oltre 1 miliardo di euro di risorse statali “che tardano ad arrivare”, i firmatari impegnano la Giunta regionale a intervenire nei confronti del sistema creditizio, con gli strumenti che le sono propri, per agevolare l’accesso al credito da parte delle imprese, a rivolgere un invito agli Enti locali per promuovere accordi con le banche per l’anticipo del credito alle imprese a tassi concordati e a sollecitare il Governo affinché intervenga in tempi rapidi sulla legislazione per accorciare i tempi di pagamento alle imprese.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.