La linea ferroviaria Faentina è un’infrastruttura strategica

Presentata, dal Gruppo assembleare Partito Democratico, una risoluzione che chiede di superare le criticità e di impegnarsi per il suo sviluppo

dsc_2766-CG19082009La linea ferroviaria Faentina, 67 km tra Faenza e Borgo San Lorenzo e altri 35 fino a Firenze, rappresenta un’importantissima arteria di collegamento tra la Toscana e la Romagna che, oltre ad essere utilizzata giornalmente da lavoratori e studenti, ha visto nel tempo crescere anche la presenza di turisti e di viaggiatori interessati a spostarsi a costi più ridotti rispetto a quelli dell’alta velocità.

È quanto sottolinea il testo di una risoluzione, sottoscritta da Damiano Zoffoli (primo firmatario), Mario Mazzotti, Miro Fiammenghi, Thomas Casadei e Gabriele Ferrari, Consiglieri regionali del Partito Democratico, nella quale si impegna la Giunta regionale a sviluppare e mettere in campo, di concerto con la Regione Toscana, tutte le azioni possibili per superare le criticità ed i disservizi che da tempo i viaggiatori e i Sindaci dei territori interessati denunciano lungo quella che i firmatari segnalano essere “un’infrastruttura strategica”. Altro impegno richiesto: migliorare e potenziare il relativo servizio ferroviario, rivendicando nei confronti del gestore azioni immediate tali da garantire agli utenti condizioni di viaggio più decenti in termini di frequenza, sicurezza, puntualità e confort. Tutto questo anche in relazione ai bandi di gara in scadenza.

Nel documento si impegna inoltre la Giunta emiliano-romagnola a lavorare per il mantenimento della relazione intera, fra Faenza e Firenze, senza rottura di carico, per tutta l’offerta attuale, che consiste in un treno ogni 2 ore, a verificare, con RFI, se è migliorabile la situazione dei lunghi tempi di attesa ai passaggi a livello, anche prevedendo la riduzione o l’automazione degli stessi, a richiedere il rispetto degli accordi che prevedevano cospicui investimenti sulla linea ferroviaria Faentina, da utilizzarsi per acquistare nuovo materiale rotabile e realizzare infrastrutture più adeguate funzionalmente.

I firmatari della risoluzione chiedono infine alla Giunta di attivarsi con la Regione Toscana, lavorando insieme ad “un’alleanza territoriale” per lo sviluppo e la promozione della linea ferroviaria Faentina, coinvolgendo gli enti locali, le realtà produttive, gli operatori turistici, e tutti i soggetti interessati che possano dare un contributo ad un progetto turistico organico, con effetti positivi sulla cultura e sull’economia di questi territori e dell’intera Romagna.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.