Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati

Un altro passo avanti verso la trasparenza e un nuovo strumento di dialogo tra Assemblea Legislativa e cittadini

Trasparenza come sinonimo di buona amministrazione. Con l’approvazione all’unanimità del progetto di legge “Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Disposizioni sulla trasparenza e l’informazione”, l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna compie un ulteriore passo avanti nel percorso avviato per rendere sempre più trasparente il “palazzo” della Regione, grazie ad una maggiore e più organizzata pubblicazione di informazioni sui protagonisti della vita politica e istituzionale – sia i Consiglieri regionali eletti sia i nominati nelle società partecipate – che saranno a disposizione di tutti i cittadini su internet. Con questa legge – si recita in proposito nell’articolo sui “principi” del provvedimento licenziato dall’aula – “riconoscendo che la partecipazione alle scelte politiche, alla funzione legislativa e amministrativa e al controllo dei poteri pubblici è condizione essenziale per lo sviluppo della vita democratica”, l’ente si dota degli adeguati strumenti di trasparenza per la comunicazione della propria attività”.

In 9 articoli, il nuovo testo prevede l’istituzione di un’Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati, i cui dati verranno messi a disposizione sui siti istituzionali dell’Assemblea Legislativa e della Giunta regionale in modo che ne sia garantita la consultazione “al più ampio numero di utenti per la più ampia varietà di scopi”. Obiettivo del provvedimento: “agevolare il diritto di accesso e di informazione dei Consiglieri e dei cittadini come presupposto indispensabile alla garanzia di trasparenza e di buona amministrazione”.

Secondo le nuove disposizioni, per ciascun eletto all’Assemblea Legislativa, per il Presidente della Regione e per ogni componente della Giunta regionale saranno tra l’altro rese disponibili informazioni sui relativi emolumenti, le spese del gruppo o lista di appartenenza complessivamente sostenute, i redditi e la situazione patrimoniale (ed eventualmente anche quella dei conviventi more uxorio “se gli stessi vi consentono”), la dichiarazione dei finanziamenti e delle donazioni ricevute o erogate (superiori ai mille euro annui), le quote azionarie di partecipazione a qualsiasi Società. Il testo prevede anche la pubblicazione di informazioni sulle presenze e il comportamento di voto degli eletti. Un sostanziale elemento di novità contenuto nel provvedimento consiste nel fatto che, per estensione, le disposizioni previste per gli eletti si applicano anche ai cosiddetti nominati: presidenti, vicepresidenti, consiglieri, amministratori delegati e direttori generali di istituti e di enti pubblici, anche economici, di nomina o designazione del Presidente della Giunta, della Giunta o dell’Assemblea.

Sempre secondo il progetto di legge, Giunta e Assemblea Legislativa devono pubblicare sui propri siti internet l’elenco delle proprietà immobiliari della Regione e la loro destinazione d’uso; l’elenco degli incarichi esterni (per i quali devono tra l’altro risultare l’ufficio proponente, il soggetto assegnatario, l’ammontare dei compensi). Per ogni società controllata o ente strumentale della Regione vanno poi resi pubblici i dati essenziali di bilancio, i nominativi dei consiglieri d’amministrazione e i relativi emolumenti.

Un ulteriore aspetto di novità consiste nella previsione di dare maggiore evidenza ai lavori assembleari, “con relativa pubblicizzazione delle sedute e degli argomenti in discussione in Commissione e in Assemblea, anche attraverso la pubblicazione delle registrazioni audio”.

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, che da tempo ha pubblicato sul suo sito, in un’apposita sezione “trasparenza”, tutti i dati (emolumenti, situazione patrimoniale, presenze in Aula e in Commissione, atti presentati, report, …) relativi alla sua attività, esprime soddisfazione: “Un’Assemblea che mette online anche i dati relativi a coloro che la Regione nomina nelle società partecipate e negli enti di secondo grado, fa senza dubbio un altro importante passo avanti sulla strada della trasparenza, dell’accessibilità e dell’equità. La legge approvata è una risposta concreta alle istanze di cittadini ed elettori, che oggi mostrano sempre maggiore attenzione nei confronti dell’operato delle pubbliche amministrazioni. È dovere della politica e degli amministratori fornire risposte chiare e tempestive, anche per mantenere saldo il rapporto di fiducia con la comunità regionale. Speriamo, in questo modo, di poter contribuire al recupero di credibilità della politica, di cui c’è bisogno. Il provvedimento, che mette a sistema le norme (e le disposizioni già assunte dall’Assemblea Legislativa) sulla trasparenza e la pubblicizzazione delle informazioni, rendendole più fruibili su internet, va anche nella direzione di rendicontare agli elettori tutta l’attività svolta nelle sedi istituzionali, per meglio condividere e discutere, nel merito, i provvedimenti adottati e le loro ricadute sui territori.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.