Celiachia: “Colpire gli speculatori”

Risoluzione bipartisan in Regione: premiare i virtuosi, colpire gli speculatori, aumentare l’informazione sulla malattia celiaca

La Regione Emilia-Romagna ha già messo in campo diverse azioni per aiutare chi soffre di malattia celiaca, la più diffusa intolleranza alimentare al mondo. L’ultima iniziativa, a inizio anno, è stata la pubblicazione di una guida con informazioni utili per la preparazione e la somministrazione in sicurezza di alimenti senza glutine. Ma si può fare di più e meglio. È quello che chiede una risoluzione (presentata dai Gruppi Pd, Idv, Lega nord e Misto) approvata all’unanimità, questa settimana, dall’Assemblea Legislativa regionale.

Con questo documento, i Consiglieri regionali chiedono alla Giunta di attivarsi in tutte le sedi più opportune incentivando i controlli nei confronti delle “aziende che speculando sulla malattia propongono alimenti dal costo esorbitante” e di valorizzare allo stesso tempo “le aziende che affiancano la tradizionale produzione con prodotti privi di glutine, osservando scrupolosamente i criteri di lavorazione onde evitare pericolose contaminazioni con farine vietate”.

Colpire gli speculatori, premiare i virtuosi, continuare a informare e sensibilizzare, questi dunque i propositi assunti in Regione: “Quando i celiaci non assumono glutine – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – possono vivere una vita assolutamente normale. Per questo l’informazione alimentare è essenziale per loro. La Regione, attraverso le Ausl, garantisce loro un contributo mensile per l’acquisto di prodotti senza glutine. Prodotti che, però, hanno un costo esorbitante. È importante dunque evitare qualsiasi speculazione affinché, con queste somme, i celiaci possano accedere ad una platea più vasta di prodotti”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.