Il cuore di un pastore per un’antimafia del sorriso

Il male è veramente male quando ti ruba il sorriso. Il gusto della bellezza è la miglior forma di antimafia”.

Le riflessioni di monsignor Giancarlo Maria Bregantini, per tanti anni vescovo nella Locride, terra segnata dalla ‘Ndrangheta, gettano una luce nuova nel nostro impegno contro le mafie.

Trovo che il mirare alla costruzione di una società fondata sulla bellezza e sui sorrisi dei cittadini, sia un progetto che ben si sposa con quella “riscossa dei cuori” auspicata il mese scorso, in occasione della Giornata in ricordo delle vittime delle mafie.

Monsignor Bregantini, oggi arcivescovo di Campobasso-Boiano, era in Romagna un paio di settimane fa per partecipare ai dialoghi per la città promossi dalla Diocesi di Cesena-Sarsina. La sua relazione sul “comunicare per abbattere i muri dell’omertà” è stata tutto tranne che una fredda lezione.

L’uditorio è stato sollecitato continuamente da domande e provocazioni, come “La parola più bella, in campo sociale, non è solidarietà, ma reciprocità” o “Dio ti mette nei guai, ma non ti lascia nei guai!”.

Prendendo spunto dalla battuta di un allevatore di pecore, Bregantini ha chiesto a tutti: “Siamo pastori o pecorai?”. Il suo continuo spendersi al fianco dei giovani, degli ultimi e di chiunque si batte per la legalità e una società migliore fa di lui un vero pastore. Noi non dobbiamo essere da meno, e questa è una bella sfida per tutti!

Damiano Zoffoli

***

Con cuore di sposo non di amante

L’amore sovverte tutte le gerarchie. Un cuore puro e disinteressato può fare scoppiare una rivoluzione, facendo scricchiolare l’impianto di regole e “Valori” di un’intera società.

L’intervento di monsignor Giancarlo Bregantini al terzo appuntamento dei dialoghi per la città promossi dalla Diocesi, giovedì 29 marzo nell’Aula magna di Psicologia a Cesena, è partito dal tema “Comunicare per abbattere i muri dell’omertà”. L’arcivescovo di Campobasso-Boiano, però, ha spiegato bene come per comunicare sia essenziale, prima di tutto, coltivare la propria capacità d’ascolto. Solo così, preparando il proprio cuore, ci si potrà relazionare con gli altri costruendo ponti al posto di muri.

Bregantini si è poi soffermato sul concetto di merito, agli occhi di Dio e agli occhi del mondo, partendo dall’ultima parte del quinto capitolo del Vangelo secondo Matteo: “Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti”.

“Se il Signore fa piovere e risplendere il sole su tutti – ha chiesto l’arcivescovo – forse Dio non è giusto, equanime? In che modo Dio valuta e rispetta il merito? In realtà Dio rispetta il merito ma va oltre. Come una madre che ama tutti i suoi figli, ma in modo particolare la “pecora nera” della famiglia. Questo fatto mette in crisi tutte le concezioni meritocratiche. Dobbiamo ricordarci che, nelle società, tutte le dittature partono da una meritocrazia e crescono sulla gerarchizzazione. Siamo tutti uguali perché fratelli, e fratelli in quanto figli”.

La fraternità e la familiarità con Dio non possono non andare di pari passo con l’amore, lo stesso amore che sta alla base di ogni famiglia: “Il cuore di Dio ama il mio cuore – ha proseguito Bregantini – e per questo fatto il mio cuore accoglie e ringrazia e si apre alla mano del povero, che si affida a sua volta al cuore di Dio. Questo ciclo è basato sulla gratuità. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”.

Un’idea di società che sta all’opposto di quella mafiosa e della criminalità organizzata in genere, tutta fondata sulla gerarchia e la divisione in nome di presunti “valori”: “All’esterno si mostrano forti – ha spiegato Bregantini, per 13 anni vescovo nella Locride – ma si tratta di pura apparenza. Un fariseismo che ben si sposa con la società di oggi, piena di sepolcri imbiancati. Basti pensare che a San Luca (RC) vi è il record nell’uso di tranquillanti in proporzione agli abitanti. Per questo nella lotta alle mafie bisogna prima di tutto contrapporre la gratuità nelle relazioni. Dire all’altro che non si ha paura di lui, perché lui vale quanto me”.

La ricetta antimafia di Bregantini nasce dunque dall’apertura dei cuori passando per la gratuità: “Bisogna amare con cuore di sposo, non di amante. Avere sempre il gusto della bellezza come bussola. E dimenticarsi dell’orologio. Chi ama, come il pastore del vangelo, non esita a mollare tutto per andare a cercare la pecora smarrita. È questa la differenza tra un pastore e un pecoraio”.

Michelangelo Bucci
(Corriere Cesenate – giovedì 5 aprile 2012)

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Il cuore di un pastore per un’antimafia del sorriso

  • Fringui

    “Se il Signore fa piovere e risplendere il sole su tutti – ha chiesto l’arcivescovo –forse Dio non è giusto, equanime? In che modo Dio valuta e rispetta il merito? In realtà Dio rispetta il merito ma va oltre. Come una madre che ama tutti i suoi figli, ma in modo particolare la “pecora nera” della famiglia. Questo fatto mette in crisi tutte le concezioni meritocratiche. Dobbiamo ricordarci che, nelle società, tutte le dittature partono da una meritocrazia e crescono sulla gerarchizzazione. Siamo tutti uguali perché fratelli, e fratelli in quanto figli”.

    Non mi pare molto condivisibile la posizione di monsignor Bregantini sulla meritocrazia… Siamo tutti figli di Dio, è vero, ma diversi per vocazione e capacità. La meritocrazia è soprattutto una questione di giustizia. E’ grave che un ‘uomo di Dio’ parli così.

    • Gentile Fringui,
      ero presente alla serata e posso dirti che le parole di Bregantini sono state pronunciate, con la passione che gli è propria, prima di tutto per smontare le presunte “scale di valori” delle società criminali.
      Del resto, per questo pastore coraggioso, parla la sua vita.
      E le sue parole vanno comunque considerate nel contesto dell’intera testimonianza che ci ha portato quella sera.
      Un caro saluto,
      Damiano Zoffoli